Cerca

Fabbricati rurali: nuove disposizioni anche per l'Imu?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 20, 2012
Visite: 5183

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Con l'obbligo di accatastamento di tutti i fabbricati rurali, da cui consegue l'attribuzione della rendita catastale anche per immobili che finora non producevano reddito, i proprietari si ritrovano oggi a dover fare i conti anche su IMU e reddito da locazione. Cosa cambia?

 

Gentile redazione,
in questi giorni ho sentito parlare tanto e a lungo di fabbricati rurali, delle file al Catasto per la loro classificazione e di nuove tasse da pagare. A questo proposito sono preoccupato per il mio immobile. Qualche anno fa ho ereditato un capannone e dei terreni per i quali c'era e c'è tuttora in corso un contratto di affitto con un coltivatore diretto. Il mio geometra si è occupato dell'iscrizione del fabbricato al Catasto Fabbricati con procedura Docfa (come da obbligo introdotto a seguito dell'entrata in vigore dell'Imu?). Di conseguenza il mio fabbricato ora risulta iscritto alla categoria D/10 ed è stata attribuita una relativa rendita catastale. Su questa il mio commercialista mi ha calcolato l'Imu che ho appena provveduto a pagare. Parlando con altri proprietari di terreni, però, mi sono sorti alcuni dubbi, pertanto avrei bisogno di rassicurazioni.. Insomma, devo preoccuparmi o è tutto ok? Grazie,
Francesco

Caro Francesco,
innanzitutto complimenti per la chiarezza con cui ha riportato il suo caso, che credo possa essere simile a quello di molti altri lettori. In effetti, il Decreto Salva Italia ha stabilito che anche i fabbricati rurali fossero soggetti al pagamento dell'imposta IMU e pertanto ha reso obbligatoria (entro il 30 novembre 2012) l'iscrizione degli stessi al Catasto edilizio urbano (invece di quello terreni) con l'obiettivo di non far sfuggire alcun immobile al pagamento dell'IMU.
Per il calcolo esatto della tassazione IMU che ha dovuto pagare entro il 17 dicembre, il suo commercialista avrà fatto riferimento alle aliquote stabilite dal suo comune per questa specifica tipologia. La legge nazionale aveva agevolato gli immobili rurali strumentali (ovvero depositi, fienili, stalle con categoria D/10, se utilizzati direttamente o come nel suo caso concessi in affitto a chi svolge l'attività di agricoltore) prevedendo un'aliquota dello 0,2%, che i Comuni potevano anche ridurre allo 0,1% (aliquota dello 0,0% per i comuni facente parte delle Comunità Montane). La condizione essenziale, quindi per usufruire dell'agevolazione, è quella di un utilizzo del capannone e dei terreni per attività agricola. Pertanto, se al suo immobile fosse stata attribuita una rendita di 250 euro, si sarebbe ritrovato a pagare tra i 44 ed i 22 euro a seconda della generosità del suo comune.
Derivante dal seguente calcolo:
367,50 x(rendita + rivalutazione del 5%)
60 (coefficiente relativo alla categoria catastale D) =
____________________________________
22.050 (base imponibile) x 0,2% = 44
22.050 (base imponibile) x 0,1% = 22

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.
Terreni agricoli, ettari in affitto raddoppiati in 10 anni

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • arturo

    Buonasera dott.ssa Tulipano,
    sono proprietario di un edificio D 10 con terreno di 1,5 ettari.
    Ho avuto una proposta di affitto e questo mi pone dei problemi
    per la tassazione cui sarei soggetto: insieme a mia moglie, in
    separazione dei beni arriviamo a 45000 euro l'anno.
    Che tipo di contratto mi consiglia per non fare andare in fumo
    quasi tutto? Proposta di affitto 1500 euro mensili.
    E un contratto in deroga alla legge agraria è consigliabile per
    una durata meno biblica?
    Grazie per il suo responso,
    cordialmente
    Arturo

  • Gentile Arturo, purtroppo non ha molta scelta, se affitta il terreno agricolo e come pertinenza l'immobile strumentale all'attività deve stipulare un affitto per terreni e dovrebbe rivolgersi ad un'associazione di categoria degli agricoltori per avere assistenza sulla stesura del contratto. Mentre se affitta solo il bene strumentale allora potrebbe stipulare un 6 +6 e il reddito verrebbe assoggettato ad irpef con deduzione del 5% e scontando quindi la relativa aliquota.

  • Gentile Antonio , in realtà l evarie modifiche non avevano escluso dall'applicabilità dell'imu gli immobili produttivi, fatta eccezione solo per gli immobili rurali strumentali alla conduzione delle attività agricola iscritti a catasto nella categoria D/10. Credo però che il suo commercialista applichi l'aliquota prevista dal suo comune basandosi sul non utilizzo diretto da parte sua, che non può considerare quindi tale immobile come strumentale; cosa che dovrebbe valere per sua madre.

  • Antonio

    Salve
    avrei necessità di chiedere se quanto scritto nell'articolo si continua ad applicare oggi e se si applica pure al mio caso che descrivo di seguito:

    -ho ereditato da mio padre un immobile D10 in misura di un terzo, gli altri due terzi sono stati ereditati da mia madre e mia sorella
    -io non sono un coltivatore diretto, mentre mia madre lo è
    -mia madre coltiva la terra su cui insiste l'immobile che è stata erditata allo stesso modo dell'immobile, per cui io sono proprietario di un terzo
    -per il calcolo dell'IMU il mio consulente ha usato un'aliquota del 10,6

    La ringrazio anticipatamente

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%
Nel 2017 tornano a salire i canoni di affitto in Italia. Solo Affitti rende noto il report sulle locazioni per l’anno 2017, facendo il punto...
Studenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in caloStudenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in calo
Caro-affitti per le stanze singole (+5%), in leggero calo invece le doppie (-2%). Valori in aumento al nord, stabili o in ribasso al centro-sud. &...
Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?
Si passa da 1 sfratto ogni 334 famiglie nel 2014, annus horribilis per gli sfratti, a 1 ogni 419 nel 2016. L’aumento dei provvedimenti di...
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Mediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decollaMediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decolla
Tra i fattori principali l’esclusione delle controversie per sfratto, le più numerose, e la scarsa efficacia della gestione...