Cerca

IMU sugli immobili affittati a canone concordato: quanto vale, in euro, la riduzione del 25% introdotta dalla Legge di Stabilità?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 16, 2016
Visite: 24891

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Molte novità che verranno introdotte dalla Legge di Stabilità riguardano da vicino il mondo immobiliare e ancora più nello specifico il mondo degli affitti, quindi il nostro specifico settore. Partiamo quindi da una misura che coinvolge tributi ampiamente discussi e trattati sul nostro blog: IMU e Tasi. Viene introdotta, infatti, un’ulteriore agevolazioni per i proprietari che concedono in affitto un appartamento stipulando un contratto a canone concordato. Quindi a canone contenuto, ma con la possibilità di pagarci meno tasse.
Vediamo allora, con la concretezza che ci contraddistingue, in quanti euro possiamo tradurre questa agevolazione e se tale misura possa rappresentare un’arma in più per convincere i già numerosi (soprattutto negli ultimi anni) proprietari che scelgono di stipulare contratti a canone concordato, percependo meno, ma guadagnando di più.

Alla possibilità che molti comuni utilizzano di applicare aliquote agevolate per i proprietari che affittano con contratto a canone concordato, ora la Legge di stabilità introduce (articolo 1, commi 53 – 54) per tutti i contribuenti, anche per quelli che hanno proprietà in comuni non sensibili all’argomento, di ridurre l’imposta IMU e Tasi (se dovuta) del 25%.
Questo quanto la teoria prevede a favore dei proprietari che concedono in affitto un immobile con contratto a canone concordato; vediamo adesso la pratica e quindi facciamo i conti in tasca a qualche proprietario che deve valutare la convenienza nello scegliere un contratto a canone concordato, rispetto ad un contratto libero, limitando il valore del canone richiesto.
Facciamo due esempi in due città che rappresentano due estremi nella classifica del canone medio: tra le più care Roma e tra le più convenienti Catanzaro.


La prima è Roma, una città in cui da anni i contratti a canone concordato sono ampiamente utilizzati e dall’ultimo report sulle locazioni dell’ufficio studi Solo Affitti risultano il 71,4% dei nuovi contratti abitativi stipulati nel 2015. Qui il valore di un contratto a canone concordato per un immobile in buono stato di circa 70 mq in una zona semicentrale è di 760 euro, contro un valore a mercato libero di 809 euro. Se consideriamo per tale immobile di proprietà del signor Proietti una rendita catastale di 928 euro, abbiamo gli elementi per fare i conti in tasca e vedere se e quanta convenienza deriva da questa nuova disposizione di legge.


Contratto libero di 4 anni + 4: reddito annuo da locazione 9.708 euro (809 *12 mensilità), tassato con cedolare secca al 21%, quindi 2.039 euro di imposte. In questo caso il regolamento IMU e Tasi del comune di Roma ha stabilito l’aliquota massima per l’IMU dell’1,06%, non potendo per questo applicare la Tasi. In euro, questo vuol dire, partendo dalla rendita catastale di 928 euro, una base imponibile di 155.904 euro, su cui l’1,06% di IMU incide per 1.653 euro.
Ipotizziamo allora un guadagno netto per il nostro signor Proietti con contratto a canone libero di 6.016 euro, ovvero ai 9.708 euro percepiti annualmente abbiamo sottratto il prelievo con cedolare e quello dovuto per l’IMU.

     


Contratto concordato di 3 anni + 2: reddito annuo da locazione 9.120 euro (760*12 mensilità), tassato con cedolare secca al 10%, quindi 912 euro di imposte. In questo caso il regolamento IMU e Tasi del comune di Roma non ha stabilito l’aliquota IMU agevolata per chi concede in affitto le abitazioni con contratti a canone concordato , lasciando un’aliquota ordinaria dell’1,06% e non applicando neanche in questo caso il prelievo Tasi. Quindi fino al 2015 a Roma il Sig. Proietti avrebbe pagato sempre 1.653 euro di IMU.
Ipotizziamo allora un guadagno netto per il nostro signor Proietti, nel 2015, con contratto a canone concordato di 6.555, ovvero ai 9.120 euro percepiti annualmente abbiamo sottratto il prelievo con cedolare e quello dovuto per l’IMU.
Questo fino al 2015, dal 2016 l’IMU versata dal signor Innocenti per un contratto a canone concordato verrà ridotta del 25%, passando da 1.653 euro a 1.240 e ciò permetterà al nostro proprietario preso ad esempio di avere, al netto delle imposte, un guadagno ulteriore di 413 euro, con un reddito netto di 6.968 per un contratto con canone concordato (partendo da un canone mensile più basso di 49 euro) contro i 6.016 del reddito netto derivante da un contratto a canone libero (+952 euro di guadagno netto).

La seconda città che prendiamo in considerazione è Catanzaro, dove l’utilizzo dei contratti a canone concordato è molto più contenuto, parliamo di un 40% rispetto al totale di nuovi contratti abitativi stipulati nel 2015. La motivazione potrebbe essere legata innanzitutto al fatto che i valori dell’accordo territoriale sono fermi alla fine degli anni 90 e pertanto ancora in lire, quindi distanti da quelli che sono i valori a libero mercato.
Nello specifico troviamo che qui il valore di un contratto a canone concordato per un immobile in buono stato di circa 80 mq in una zona semicentrale è di 275 euro, contro un valore a mercato libero di 399 euro. L’immobile ipoteticamente di proprietà del signor Mancuso ha una rendita catastale di 358 euro.
Anche in questo caso facciamo un po’ di conti e vediamo se c’è convenienza.


Contratto libero di 4 anni + 4: reddito annuo da locazione 4.788 euro (399 *12 mensilità), tassato con cedolare secca al 21%, quindi 1.005 euro di imposte. In questo caso il regolamento IMU e Tasi del comune di Catanzaro ha stabilito l’aliquota massima per l’IMU dell’1,06%, non potendo per questo applicare la Tasi. In euro, questo vuol dire, partendo dalla rendita catastale di 358 euro, una base imponibile di 60.144 euro, su cui l’1,06% di IMU incide per 638 euro.
Ipotizziamo allora un guadagno netto per il nostro signor Mancuso con contratto a canone libero di 3.145, ovvero ai 4.788 euro percepiti annualmente abbiamo sottratto il prelievo con cedolare e quello dovuto per l’IMU.


Contratto concordato di 3 anni + 2: reddito annuo da locazione 3.300 euro (275*12 mensilità), tassato con cedolare secca al 10%, quindi 330 euro di imposte. In questo caso il regolamento IMU e Tasi del comune di Catanzaro prevede la stessa aliquota massima dell’1,06% e quindi un uguale prelievo di 638 euro; però con la nuova agevolazione in caso di contratto a canone concordato l’IMU viene ridotta del 25%, arrivando a 479 euro (159 euro di risparmio IMU).
Per il nostro proprietario di Catanzaro il guadagno netto con contratto a canone concordato sarebbe di 2.491 euro, ovvero ai 3.300 euro percepiti annualmente abbiamo sottratto il prelievo con cedolare e quello dovuto per l’IMU ridotta.
In questo caso, nonostante l’aliquota agevolata della cedolare secca e la riduzione del 25% dell’IMU il guadagno per il proprietario rimane più alto in caso di contratto a canone liberto (3.145 conto i 2.491), dato dal fatto che i valori del canone concordato sono molto datati e non incentivano, come nel caso di Roma,i proprietari all’utilizzo di tale tipologie contrattuali.

 

     

Precisiamo che rispetto all’agevolazione concessa da alcuni comuni che vincola l’applicazione di un’aliquota ridotta alla scelta della tipologia di contratto concordato, ma anche al fatto che l’inquilino, titolare del contratto, utilizzi tale immobile in affitto come propria abitazione principale, ovvero abbia lì la sua residenza, possiamo dire che questa nova misura risulta più “democraticamente” applicabile a tutti i contratti a canone concordato, ovvero: i 3 +2 in cui più facilmente l’inquilino vi prenderà la residenza, quanto i contratti per studenti fuori sede e quelli transitori stipulati sulla base dei valori degli accordi territoriali per i comuni ad alta densità abitativa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Fisco immobiliare, la riduzione IMU/TASI del 25% assicura una redditività senza precedenti all’affitto a canone concordato
Le misure sulla casa nel 2016: la manovra di Stabilità adesso è legge.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano
Author: Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Commenti (54)

This comment was minimized by the moderator on the site

Vorrei conoscere l'indirizzo di un ufficio a qui rivolgermi per un contratto di locazione a canone concordato, essendo il proprietario.

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Daniela, può rivolgersi ad una nostra agenzia in zona o all'associazione di categoria dei proprietari per assistenza e stesura del contratto; in quale zona?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Isabella,
ho un appartamento a Modugno (Ba), comune ad alta tensione abitativa confinante con capoluogo di provincia ad alta densitá abitativa, affittato con cedolare secca 4+4, vorrei sapere se rientro nella fattispecie del contratto a canone concordato e quindi assolvere l´IMU con aliquota ridotta del 75%.
Grazie in anticipo.
Filomeno

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Filomena, per accedervi deve utilizzare un contratto a canone concordato, con durata minima di 3 anni + 2 e il cui canone viene calcolato sulla base degli accordi territoriali del suo comune.

This comment was minimized by the moderator on the site

...forse su ultima tabella CATANZARO CONTRATTO 4+4 avete sbagliato importo da calcolo cedolare secca al 21% del reddito annuo.
Saluti

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Ferdinando, grazie per la segnalazione; la correggeremo.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buon giorno Isabella,
sono di roma e volevo affittare un appartamento a canone concordato ma non so quale contratto usare.
3+2 , transitorio a studenti non residenti, o cos'altro?
quale contratto può usufruire dell'agevolazione imu ?
quale è la percentuale della cedolare secca?
queste due agevolazioni possono coesistere in un contratto?
ti ringrazio e ti auguro buona giornata,
Marco

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Marco, dipende dall'esigenza; se di un'abitazione stabile allora un 3 +2; transitorio se l'esigenza è per brevi periodi e studenti per chi è fuori sede iscritto all'università a Roma. L'imu e la cedolare secca al 10% sono previste su tutte e tre le tipologie.

This comment was minimized by the moderator on the site

ho un affitto in cedolare secca con 3 lavoratori ma solo uno di loro ha preso la residenza posso usufruire della riduzione dell'imu e della tari ugualmente?
Grazie in anticipo
Sabrina

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Sabrina, la riduzione è riconosciuta sul tipo di contratto a canone concordato e quindi a prescindere dalla residenza; nel caso di contratti 3 +2 ci potrebbe essere un'ulteriore agevolazione, valida solo se gli inquilini prendono la residenza.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno,
ho un appartamento a Roma affittato a canone concordato 3+2 e cedolare secca.
Purtroppo solo casualmente ho scoperto della riduzione del 75% IMU/TASI tant'è che in acconto ho pagato l'intera imposta.
Pertanto ho sospeso il saldo e pagherò col ravvedimento operoso sprint entro la fine dell'anno solo quando avrò chiaro di non sbagliare.
Volevo pertanto cortesemente chiedervi:
- se pagassi senza indugio il saldo con l'imposta ridotta entro la fine dell'anno con ravvedimento sprint, la dichiarazione IMU va fatta l'anno prossimo (e quando) o avrei dovuto farla prima col rischio di eventuali sanzioni?
- potrei richiedere il rimborso pagato in più in acconto?
- Tale riduzione era applicabile per gli anni precedenti al 2016?
Vi ringrazio fin d'ora se vorrete cortesemente rispondermi.
Grazie e cordiali saluti.
Luigi

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Luigi per queste decisioni fiscali è meglio un confronto con il suo commercialista o il caf che la segue; in linea generale la dichiarazione va presentata già per l'anno in cui usufruisce della riduzione; per eventuali rimborsi deve verificare che il comune di competenza li preveda.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, volevo cortesemente sapere, se il conduttore deve essere obbligatoriamente residente nell'immobile locato a canone concordato, (per usufruire della riduzione imu), e come comunicare al comune di Roma di tale agevolazione, (che va inviata entro Marzo 2017) dato che non si riesce a reperire l'adeguato modulo. Grazie, cordiali saluti e buone feste.
Fabio Parentela

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Fabio per la riduzione del comune la residenza è indispensabile e va compilato apposito modulo per richiesta della riduzione.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve,
ho una casa con due stanze, una affittata ad una lavoratrice (canone libero) ed una ad una studentessa (canone concordato). Ho diritto alla riduzione dell'IMU del 25%? nIn tal caso solo per la metà del valore? Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile, avrebbe diritto solo sulla parte a canone concordato, se riesce a fare la giusta proporzione.

This comment was minimized by the moderator on the site

Ho un dubbio per quanto riguarda il pagamento IMU 2016 ho un immobile situato nel comune di Roma affittato con contratto a canone concordato 3+2, il conduttore non ha preso la residenza e non intende prenderla, posso usufruire per la città di Roma dell’IMU ridotta del 25%? ovvero una IMU dello 0,795%?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Carlo può usufruire della riduzione del 25% perché ha stipulato un regolare contratto concordato; non potrebbe usufruire di eventuali agevolazioni previste da Comune solo per residenti.

This comment was minimized by the moderator on the site

ma se affitto una casa a cedolare secca dove sono residente devo pagare imu e tasi?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Gianluca se non usa l'immobile direttamente come prima casa dovrà pagare Imu e Tasi nella misura prevista dal suo comune.

Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto