Cerca

Entrare e lasciare un luogo ha le sue regole, proprio come un giro di valzer. E per essere dei buoni partner bisogna conoscerle e rispettarle, a tutto vantaggio di una bella coreografia. L’incontro tra pensieri e spazi però molto spesso ha le sue difficoltà. Tra vicende particolari, cavilli e casi che si ripetono sempre uguali, diamo voce alle vostre storie e chiediamo lumi al nostro esperto.

Rimani aggiornato sull'argomento

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Aprile 02, 2015
Visite: 97076

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Abbiamo più volte affrontato la questione rispondendo qua e là ai commenti dei nostri lettori che si sono trovati spesso, concretamente, in questa situazione. Molti uffici, infatti, presentano una struttura già adatta all'uso come abitazione, senza necessità di alcuna modifica strutturale. Così come ci sono abitazioni che potrebbero essere usate da professionisti per svolgere l'attività di medico o di ingegnere. Quindi se la pratica rende tali immobili intercambiabili, difatti, burocraticamente, è possibile utilizzare categorie catastali commerciali per scopi abitativi e/o viceversa?

Leggi tuttoPosso affittare un'abitazione per uso ufficio o un ufficio per uso abitazione, senza provvedere al...
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Marzo 27, 2015
Visite: 17779

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Cerchiamo di rispondere sempre ai tanti dubbi che ci sono relativi ai contratti di affitto, ai rapporti tra inquilini e proprietari, gli aspetti fiscali di una locazione, i tanti cavilli burocratici da cui è composto un contratto. Spesso questi dubbi ci vengono presentati come grandi verità, come novità dell'ultimo momento, come inconfutabili tesi. Ma anche con timorose remore: e se non fosse vero? Proviamo allora a condividere un po' di dubbi dei nostri lettori, a cui ci auguriamo di aver passato alcune verità sull'affitto.

Leggi tuttoTutta la verità sull’affitto: quando è vero che, ma anche non è vero che..
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Marzo 12, 2015
Visite: 9903

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

Ci stiamo sempre più avvicinando alla prossima dichiarazione dei redditi e intanto si raccolgono i documenti necessari e utili per poter capire a quali e quante detrazioni si ha diritto. Per chi ha sostenuto le spese per un figlio che studia all'università, fuori sede, è interessante pensare di poter recuperare qualcosa, non solo rispetto alle tasse universitarie, ma anche rispetto alle spese di affitto. Ma tale agevolazione, è prevista a favore di qualsiasi tipo di contratto? Anche per quelli di subaffitto?

Leggi tuttoDetrazione per studenti universitari: valida anche per contratti di subaffitto?
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Marzo 06, 2015
Visite: 70234

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ci siamo occupati spesso dell'argomento "disdetta" che genera sempre molti dubbi da parte dell'inquilino che necessita di lasciare l'immobile preso in affitto e da parte del proprietario, che si ritrova a dover ricominciare la ricerca di un nuovo inquilino e a dover verificare con attenzione lo stato dell'immobile, nonché eventuali debiti residui dell'inquilino. Ma uno degli argomenti che porta maggiormente le parti a discutere, quando è ora di dirsi addio, riguarda proprio la data di scadenza del periodo di disdetta e di conseguenza la quota di affitto che l'inquilino deve versare. Il dubbio è tra la mensilità piena, anche se occupo l'immobile per soli pochi giorni, o una frazione del canone calcolata esattamente sui giorni goduti?

Leggi tuttoMensilità piena o frazionata: come calcolare il canone per il periodo di preavviso di disdetta?
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Febbraio 26, 2015
Visite: 57424

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ci siamo occupati spesso del caso in cui il proprietario, considerando i tempi non felici di questa infinita crisi e la difficoltà di trovare inquilini che pagano regolarmente, si ritrova ad accordarsi per una riduzione del canone di affitto. Uno sconto rispetto all'affitto negoziato ad inizio del contratto che va però registrato presso l'agenzi a delle entrate per evitare di pagare imposte su cifre non percepite concretamente. Un fenomeno talmente diffuso da portare il governo ad inserire, nello "Sblocca Italia", una norma che consente di registrare tale scritture senza versare l'imposta di 67 euro precedentemente prevista. Ma se, alla faccia della crisi, proprietario ed inquilino si accordassero per un aumento del canone, sarebbe sufficiente una semplice scrittura privata, magari da registrarsi senza imposta?

Leggi tuttoAumento del canone d’affitto: basta una scrittura o ci vuole un nuovo contratto?
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Febbraio 13, 2015
Visite: 7177
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Possiamo dire che in oltre due anni di attività di questo blog cominciamo ad avere un po' di esperienza su quelle che sono le curiosità, gli interessi, ma anche le paure di chi si avvicina al mondo dell'affitto. Ci sono alcuni stereotipi legati magari alla durata del contratto, agli sfratti, alla cedolare che vanno ad influire sulle scelte di proprietari e degli inquilini, confutati come verità acquisite, che tali non sono! Proviamo a sfatare insieme, quindi, i falsi miti dell'affitto.

Leggi tutto10 luoghi comuni sull’affitto, da sfatare!!
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Febbraio 05, 2015
Visite: 33696

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Continuiamo ad occuparci di sfratti, soprattutto di sfratti per morosità, considerando le tante richieste che (purtroppo) ci arrivano sull'argomento. In questo caso una nostra lettrice, molto preparata, ci propone un quesito davvero interessante: quello relativo all'opportunità di inserire una specifica clausola risolutiva espressa, da usare, nei casi in cui l'inquilino non paghi più il canone, per far liberare l'immobile, chiudere il contratto ed evitare di pagare le tasse sui canoni non incassati.

Leggi tuttoRisoluzione di diritto del contratto: posso liberare l’immobile e non dichiarare i canoni di...
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 29, 2015
Visite: 16208

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ormai i mezzi informatici più avanzati entrano anche nei rapporti di locazione e così a qualche inquilino viene in mente di usare la più comoda posta elettronica per comunicare al proprietario l'intenzione di liberare l'immobile. Possiamo quindi dire addio al caro vecchio cartaceo? Alla raccomandata con ricevuta di ritorno che spesso si perde negli oscuri meandri delle poste Italiane. Un proprietario deve quindi ritenere valida la comunicazione ricevuta tramite mail? È sufficiente una mail qualunque o è strettamente necessario che la comunicazione sia inviata tramite indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata) ad un indirizzo "altrettanto" PEC?

Leggi tuttoÈ valida la disdetta inviata tramite mail? La posta certificata può sostituire la classica...
by Andrea Cioli
in Esperto
on Gennaio 22, 2015
Visite: 29617

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

L'articolo 21 del Decreto "Sblocca Italia" (convertito dalla Legge 164/2014) concede interessanti agevolazioni a chi intende comprare casa per poi immetterla a lungo nel mercato della locazione. Ma il canone non potrà essere scelto liberamente e dovrà tener conto di determinati parametri. E' necessario quindi "decodificare" la norma per comprendere meglio di quali parametri si tratti.

Leggi tuttoCanone concordato, canone convenzionato e canone speciale: conosciamoli meglio.
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 15, 2015
Visite: 6924

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

L'opzione per il regime facoltativo della cedolare secca può essere espressa non solo in sede di registrazione di un nuovo contratto d'affitto, ma anche nelle annualità successive, durante il corso del contratto pluriennale. Poiché la scelta della cedolare secca implica, per il proprietario, la rinuncia alla richiesta di aggiornamento del canone, il dubbio che sorge è se tale rinuncia si applica anche agli aggiornamenti precedentemente maturati e richiesti o se il canone da cui partire è l'ultimo corrisposto, ovvero comprensivo di aggiornamento.

Leggi tuttoContratto con cedolare secca a partire dal terzo anno: si deve rinunciare anche al precedente...
×
Rimani in contatto con noi