Cerca

Entrare e lasciare un luogo ha le sue regole, proprio come un giro di valzer. E per essere dei buoni partner bisogna conoscerle e rispettarle, a tutto vantaggio di una bella coreografia. L’incontro tra pensieri e spazi però molto spesso ha le sue difficoltà. Tra vicende particolari, cavilli e casi che si ripetono sempre uguali, diamo voce alle vostre storie e chiediamo lumi al nostro esperto.

Rimani aggiornato sull'argomento

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Febbraio 04, 2016
Visite: 31460

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Si fa presto a parlare di affitto, proprietario o locatore, inquilini o conduttori. Molti dei termini che si usano nel linguaggio comune, in realtà, non sono “tecnicamente” corretti. L’esempio più evidente è quello di affitto, usato impropriamente al posto di locazione: considerando che l’affitto presuppone che ci sia la produzione di beni, che si verifica in caso di affitto di terreni ad esempio, ma non di immobili come appartamenti o uffici.
Sacrosanto quindi il dubbio di un nostro lettore che si chiede come gestire una situazione in cui su un appartamento esistono: un titolare di un diritto di abitazione ed un nudo proprietario, chi può concederlo in affitto?, anzi in locazione? O ancora prima, si può concedere in affitto? Pardon in locazione?

Leggi tuttoDiritto di abitazione, usufrutto, nuda proprietà: differenze, somiglianze, diritti.
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 25, 2016
Visite: 15687

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Per parlare di comodato partiamo da una prima e fondamentale differenza rispetto a tutti gli altri contratti d’affitto. Quindi la discriminante numero uno perché il contratto di comodato sia un contratto regolare è che non ci sia il pagamento di un canone, in nessun modo, né come soldi, né come prestazioni d’opera. Ovvero ci deve essere un rapporto di utilizzo gratuito di un bene, come espressamente indicato nell’articolo 1803 del Codice Civile a cui fare riferimento, dove al comma 1 leggiamo: “il comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta. Il comodato è essenzialmente gratuito”.
La legge di stabilità di cui ci stiamo occupando ampiamente in questi giorni introduce un’importante agevolazione a favore di proprietari che concedono gratuitamente l’immobile ai propri figli, richiedendo però la forma scritta, la registrazione e quindi la stipula di un contratto di comodato d’uso gratuito secondo le regole. Quali?

Leggi tuttoIl comodato in 10 mosse: l’affitto gratis non ha più segreti!
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 16, 2016
Visite: 25210

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Molte novità che verranno introdotte dalla Legge di Stabilità riguardano da vicino il mondo immobiliare e ancora più nello specifico il mondo degli affitti, quindi il nostro specifico settore. Partiamo quindi da una misura che coinvolge tributi ampiamente discussi e trattati sul nostro blog: IMU e Tasi. Viene introdotta, infatti, un’ulteriore agevolazioni per i proprietari che concedono in affitto un appartamento stipulando un contratto a canone concordato. Quindi a canone contenuto, ma con la possibilità di pagarci meno tasse.
Vediamo allora, con la concretezza che ci contraddistingue, in quanti euro possiamo tradurre questa agevolazione e se tale misura possa rappresentare un’arma in più per convincere i già numerosi (soprattutto negli ultimi anni) proprietari che scelgono di stipulare contratti a canone concordato, percependo meno, ma guadagnando di più.

Leggi tuttoIMU sugli immobili affittati a canone concordato: quanto vale, in euro, la riduzione del 25%...
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 07, 2016
Visite: 4485

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ci siamo divertiti un po’ a fare qualche bilancio di fine anno anche sul nostro blog, per capire quali sono gli argomenti più ricercati e quali sono i principali dubbi per chi vive in affitto. Così abbiamo scoperto che tra le parole più ricercate c’è sicuramente “disdetta”, come disdire il contratto in essere, con o senza preavviso, quali i gravi motivi? L’ argomento interessa molti inquilini che vogliono lasciare la casa in cui vivono, per motivi più o meno gravi, ma interessa molto anche i proprietari che dall’oggi al domani rischiano di trovarsi senza un’entrata certa e dovendo ricominciare la ricerca di un inquilino serio ed affidabile.

Leggi tuttoAnno nuovo, casa nuova? Vado via subito o rimango? L’odissea della disdetta.
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 28, 2015
Visite: 3708
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il 2016 inizierà per noi con grandi novità sul fronte dell’affitto che potrebbero dare ulteriore slancio al già vivace mercato degli affitti. Se il 2015 era stato l’anno di consacrazione del Rent to buy, ovvero la formula mista tra affitto e compravendita, sembra che il 2016 sarà l’anno invece del leasing immobiliare, quindi di una nuova formula con cui gli italiani potranno sempre acquistare l’immobile, ma pagando una sorta di canone di noleggio. Il Rent to buy ha deluso un po’ le aspettative; forse risulta troppo complesso da stipulare, implica una parte di burocrazia e di spese notarile troppo elevate, considerando che non c’è ancora stata la volontà chiara e definitiva di acquistare l’immobile. Vedremo se il leasing immobiliare incontrerà un maggiore successo e riuscirà a risollevare le sorti del mercato degli acquisti, della tanto agognata prima casa.

Leggi tuttoAffitto vs leasing: pregi e difetti di queste due formule, che nel nuovo anno potrebbero...
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 17, 2015
Visite: 2465
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

È iniziato da qualche giorno il Giubileo straordinario della misericordia, voluto da Papa Giovanni e che, tra allarmismi e giustificate paure, porterà un numero ancora maggiore (comunque sempre numerosi) di turisti a Roma. In realtà nella città eterna molti proprietari di seconde case si erano già mossi per compensare il disagio di una città che sarà ancora più trafficata e intasata, con il business dell’affitto della propria abitazione. Ma non solo i proprietari di seconde case hanno ritenuto questo business interessante: a sfruttare le formule ricettive, infatti, sono anche gli inquilini che prendono in affitto un appartamento proprio per destinarlo ad attività di bed and breakfast. Ma questo è possibile? Con quale contratto: abitativo o commerciale?

Leggi tuttoAffitti e Giubileo: il business dei bed and breakfast.
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Dicembre 03, 2015
Visite: 7987

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

A fine anno, quando si devono trovare nuove entrate per sostenere le misure che la finanziaria introdurrà, spesso ci si ricorda di un mercato, quello degli affitti, dove sembra siano ancora in tanti i “furbetti” che ricevono affitti senza dichiarali o dichiarandone solo una parte. Le entrate che il governo spera di recuperare contengono sempre un po’ troppi zero!
Pensiamo che l’introduzione della cedolare secca era stata annunciata, trionfalmente, come la misura che avrebbe fatto recuperare circa 2,7 miliardi di euro nel 2011 e di 3,8 miliardi nel 2012, come conseguenza della dichiarazione di redditi da locazione da parte di proprietari che precedentemente, con il regime irpef, non dichiaravano tali importi.
Conosciamo la realtà dei fatti (un po’ diversa da quella immaginata dagli esattori dello stato) e ci chiediamo, ma tutti questi contratti irregolari esistono davvero? Per capirlo proviamo a partire riconoscendo quando esiste una situazione davvero illegittima e quindi quando possiamo considerare il contratto non conforme alla legge.

Leggi tuttoContratti in nero, comodati fittizi, accordi fantasiosi. Quando un inquilino può denunciare le...
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Novembre 28, 2015
Visite: 7463

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Fare soldi e ottimizzare gli spazi. L’unione di questi due imperativi ha significato, negli ultimi anni, uno “sviluppo costruttivo” sugli ampi tetti dei numerosi condomini italiani. Spazi che spesso i condomini non usano più e che quindi possono tornare di grande utilità per l’installazione delle antenne necessarie alle società di telecomunicazioni per la trasmissione e diffusione del segnale.

Lunghe ed estenuanti riunioni in cui l’amministratore di condominio presenta offerte delle società, preventivi e prospetti di guadagni per tutti, e a cui i condomini, soprattutto quelli ecologisti, rispondono con i rischi della trasmissione delle onde elettromagnetiche. Nel condominio, per cui ci chiede info questo lettore, evidentemente la questione è stata superata, e ora che hanno un contratto per il lastrico solare vorrebbero conoscere le normative a cui sottostare e come tassare il reddito che ne ricavano.

Leggi tuttoLastrico solare condominiale: come concederlo in affitto per installare antenne del telefono?
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Novembre 21, 2015
Visite: 13669

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dalle varie anticipazioni che si leggono sulla legge di stabilità 2016 molte riguardano la casa, gli inquilini, le tasse e il canone Rai. Quest’ultima novità, che sembra ormai definitiva, ha creato molto interesse e rumore. Come sappiamo da un precedente sondaggio sull’argomento, il canone Rai è la tassa più odiata dagli italiani; seppure non la più consistente, incontra le antipatie di quanti non ritengono giusto dover pagare per vedere programmi Rai che magari non apprezzano. Immaginiamo quanto l’idea di doverla pagare obbligatoriamente e quasi tacitamente nella bolletta Enel non andrà giù a molti. Ma intanto proviamo a capire meglio come muoverci.

Leggi tuttoCanone Rai in bolletta: ma la bolletta è quella dell’inquilino o del proprietario?
by Isabella Tulipano
in Esperto
on Novembre 13, 2015
Visite: 25052

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il contratto d’affitto transitorio, meglio noto come contratto breve, è oggetto di molte richieste di approfondimento che riceviamo quotidianamente. Legarsi per 4 anni, la durata del contratto libero in Italia, spaventa evidentemente i proprietari, ma spesso ancor di più spaventa gli inquilini che si immaginano a breve già in altre case o per lo meno vogliono sentirsi liberi di spostarsi, cambiare vita e quindi casa. Nonostante sia possibile, a partire dalla legge di riforma delle locazioni, la 431 datata 1998, stipulare questa nuova tipologia di contratto, di fatto rimangono ancora molti dubbi sul come e quando un contratto transitorio sia regolare e quando no. E poi permane il più grande dei dubbi, che per qualcuno è diventata certezza: lo posso rinnovare?

Leggi tuttoContratto transitorio: veloce e ricercato. Una breve guida per conoscerlo meglio.
×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto