Cerca

Posso prendere la residenza con un contratto transitorio?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 09, 2014
Visite: 146943

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sembra una contraddizione nei termini, ma in realtà spesso per svariati motivi, tra cui quello di assistenza medica o espressione del voto, cambiare residenza può essere un'esigenza che l'inquilino esprime anche se titolare di un contratto transitorio; un contratto, quindi, che nella definizione stessa indica una condizione temporanea, che porterà a breve ad un cambio di residenza stessa. Ma, a prescindere dall'analisi dei termini, sarebbe possibile in ogni caso richiedere e vedersi riconoscere la residenza in un immobile preso in affitto con contratto transitorio, senza che ciò comporti dei problemi per il proprietario o per la regolarità del contratto stesso?

Buongiorno,
ho preso in affitto un bilocale a Roma ( io sono di Matera) con un contratto transitorio della durata di un anno, della stessa durata quindi del contratto di lavoro che per ora mi ha portato in questa città. Per varie ragioni, però, ho bisogno di spostare anche la mia residenza. Posso farlo avendo un contratto transitorio? Oppure, come teme il proprietario, nel momento in cui trasferisco qui la residenza il contratto potrebbe "trasformarsi" in un normale contratto di 4 anni + 4?
Leonardo

Gentile Leonardo,
possiamo rassicurarla. Il trasferimento della sua residenza a Roma, quindi nel Comune in cui si trova il bilocale oggetto del suo contratto transitorio - stipulato a norma dell'articolo 5 comma 1, legge 431/98 - non implica la "trasformazione" del contratto nel classico contratto libero della durata quadriennale, regolato invece dall'articolo 2 comma 1, legge 431/98. La condizione fondamentale perché un contratto transitorio sia valido è che risulti, in modo inequivocabile, che questa particolare formula contrattuale sia stata stipulata per soddisfare specifiche esigenze transitorie del proprietario o dell'inquilino. Nel suo caso il fatto che la durata del contratto sia legata a quella del suo contratto di lavoro esprime al meglio esigenze transitorie dell'inquilino, legate a esigenze di mobilità lavorativa. A questo proposito, l'articolo 2, commi 4 e 5, decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, 30 dicembre 2002 stabilisce che: «I contratti di cui al presente articolo devono prevedere una specifica clausola che individui l'esigenza di transitorietà del locatore e/o del conduttore - da provare quest'ultima con apposita documentazione da allegare al contratto - i quali dovranno confermare il permanere della stessa tramite lettera raccomandata da inviarsi prima della scadenza del termine stabilito nel contratto. I contratti di cui al presente articolo sono ricondotti alla durata prevista dall'articolo 2 comma 1, legge 9 dicembre 1998, n. 431, in caso di inadempimento alle modalità di conferma delle esigenze transitorie stabilite nei tipi di contratto di cui al comma 6, ovvero nel caso in cui le esigenze transitorie vengano meno».
Pertanto, con l'approvazione del proprietario può recarsi o contattare l'ufficio anagrafe per iniziare la pratica di trasferimento della residenza., magari, incrociando le dita, potrà mantenere la residenza e soprattutto il lavoro per più tempo!.. allora sì chiedendo però la trasformazione del contratto in un 4 + 4!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Cambio residenza o prendo solo il domicilio? Questo il dilemma per giovani affittuari.
Contratto transitorio: veloce e ricercato. Una breve guida per conoscerlo meglio.

 

Presentazione Autore
Isabella Tulipano
Author: Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Commenti (271)

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve.. Io sono di Roma e sono andata in affitto di una stanza già da un anno con un contratto di locazione ad uso abitativo di natura transitoria con cedolare secca.. Se volessi fare il cambio di residenza per agevolazioni fiscali e altro è possibile con questo tipo di contratto abitativo?? Per avere detrazioni fiscali o altre agevolazioni devo per forza fare il cambio di residenza o basta il domicilio se sono già di Roma ? Grazie per un'eventuale risposta

Giulia
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Giulia, se abita stabilmente può chiedere la residenza, ma se parliamo di una stanza probabilmente risultano già altri residenti e quindi si potrebbe trovare all'interno di un altro nucleo familiare. Le agevolazioni valgono per chi ha la residenza.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, stavo considerando di prendere in affitto una stanza presso un'agenzia che si occupa di subaffitti. Il contratto dunque è di sublocazione parziale. E' possibile chiedere ed ottenere la residenza con questa tipologia o vi possono essere delle clausole nascoste che me lo impediscano? Grazie mille

Max
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Max, ci sono criteri che l'ufficio anagrafe controlla per concedere la residenza; per cui può informarsi presso l'ufficio anagrafe di competenza.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Capisco, grazie mille

Max
This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera
Sono a Roma e dovrei affittare una stanza con contratto transitorio
È possibile affittarla ad una persona che è di Roma?

Carla
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Carla, è possibile se comunque l'inquilino o lei avete una motivazione concreta di transitorietà (per esempio una nuova casa in ristrutturazione).

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, in caso di contratto di "affitto temporaneo di un anno ad uso foresteria solo intestato ad azienda", se, per evitare un eventuale diniego della proprietà, ivi trasferissi la residenza nell'ambito dello stesso Comune senza chiedere il permesso o avvertirla, a che problemi potrei andare incontro?

Giancarlo Caporali
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Giancarlo, ma lei è il dipendente quindi che usa l'immobile intestato all'azienda? Se parliamo di questo può comunque trasferivi la residenza; se parliamo di un finto foresteria, in ogni caso può chiedere la residenza se realmente abita lì.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Quindi, in ogni caso, il proprietario non può protestare se non gli chiedo l'autorizzazione?

Giancarlo Caporali
This comment was minimized by the moderator on the site

Non può contestare il fatto che lei vive stabilmente lì; certamente se gli accordi erano diversi questo potrebbe rovinare i vostri rapporti.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

buongiorno,

il contratto transitorio può durare da un mese a 18 mesi ma la residenza si può spostare anche se il contratto transitorio è di 1 mese oppure c'è un minimo di durata se pur transitoria per poter fare la richiesta di residenza?

SILVIA
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Silvia, la residenza si può chiedere.. certamente considerando i tempi necessari per poter avere la residenza non avrebbe senso spostarla per un solo mese.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, ho preso in affitto transitorio con un contratto , registrato, di quattro mesi nello stesso comune dove risiedo. E' possibile chiedere il cambio di residenza? In attesa di una risposta, grazie e distinti saluti. Giovanni

Giovanni
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Giovanni se effettivamente abita stabilmente in quell'immobile può chiedere la residenza.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno,

ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato da parecchi anni, ma ho la residenza a 140km dal luogo di lavoro, potrei avere accesso ad affitti ad uso transitorio nella città o comuni limitrofi in cui lavoro?

Vincenzo
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Vincenzo, potrebbe stipulare un contratto transitorio ma spiegando meglio la motivazione di transitorietà che non sarà in sè legata al contratto di lavoro, ma alla necessità di sperimentare una nuova soluzione abitativa.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, vorrei delle info per quanto riguarda la residenza :è possibile farla solo se fitto un appartamento o anche se prendo una camera. Grazie

Marco
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Marco, si può richiedere anche prendendo solo una stanza, si fa domanda di residenza che deve essere poi accettata e accertata dall'ufficio anagrafe.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera, nel 2017 ho firmato un contratto transitorio voluto dalla proprietaria di un anno, che ha indicato come motivo mio acquisto di casa nel 2019. Purtroppo non è vera questa clausola. Nel contratto transitorio ci sono indicati altri punti che sto cercando di capire se contestabili, come spese di manutenzione caldaia a mio carico, tinteggiatura dell'appartamento, spese condominiali dal 2017 al 2018 e così via. Ho chiesto alla proprietaria di intervenire sulla casa per delle riparazioni e sulla muffa che si è creata dopo qualche mese nelle camere da letto e nel bagno. Ad oggi la signora non è mai intervenuta, ho fatto da me pagando 2000 euro di riparazione. Posso chiedere i danni? Grazie

luca
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Luca, diciamo che quello che può contestare è sicuramente la validità del contratto transitorio e quindi chiedere che venga trasformato in un libero 4 +4 ; così come rispetto alla muffa può chiedere la risoluzione del contratto se parliamo di un grave vizio oppure una riduzione del canone se l'immobile così ha un valore inferiore rispetto a quando lo ha preso in affitto.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno.
Da Settembre 2016 siamo in affitto presso un appartamento nella città di Torino con un contratto di locazione ad uso transitorio. Lo stesso contratto è stato rinnovato a richiesta del Locatore, dopo la sua scadenza naturale, per altri 18 mesi nei termini previsti di legge. Considerato il lungo periodo di permanenza e per una serie di vicissitudini familiari, ad oggi si è verificata l’esigenza di trasferire la residenza dalla città di origine a Torino ma vorremmo mantenere lo stato transitorio del rapporto con il Locatore per essere più liberi un domani di lasciare l’appartamento senza troppi vincoli, in considerazione del fatto che siamo lavoratori precari. Su indicazione del proprietario, ci siamo recati presso l’Agenzia Immobiliare per chiedere maggiori delucidazioni e ci hanno risposto che l’unico modo di prendere la residenza a Torino è quello di sottoscrivere un contratto ordinario 4+4, poiché il contratto transitorio non prevede questa possibilità.

Leggendo il Vs. blog ci sembra di dedurre il contrario di quanto ha asserito l’agenzia e volevamo chiedervi un parere su come comportarsi in questi casi. Ringrazio anticipatamente per la risposta. Cordialità.

Paolo
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Paolo, in realtà non è il tipo di contratto che vincola la possibilità di poter prendere la residenza in un luogo; ma la richiesta va fatta all'ufficio anagrafe del comune di competenza ed è solitamente un vigile, dopo aver verificato che effettivamente vivete stabilmente lì, che vi rilascerà la residenza.

Isabella Tulipano
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi