Cerca

Revoca disdetta: vado via, anzi resto!

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Maggio 15, 2014
Visite: 53979

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Un inquilino può dare disdetta in qualsiasi momento, per gravi motivi, ma rispettando i termini di preavviso che di solito sono di sei mesi. In sei mesi, però, molte cose possono cambiare e magari quei gravi motivi rientrare. Quindi restare nell'immobile in affitto potrebbe ora tornare ad essere conveniente, ma come fare con la disdetta inviata? Posso semplicemente ripensarci e rimanere finché nuova disdetta non ci separi?

Salve,
scusi il disturbo, ma ho una situazione un po' particolare. Vivo da un po' di tempo in affitto, con regolare contratto 4 + 4, in un monolocale che risponde esattamente alle mie esigenze. Ovvero rispondeva alle mie esigenze quando lo avevo scelto ma qualche mese fa ho conosciuto una ragazza, che è madre di due figli e che a sua volta stava cercando una sistemazione diversa dall'appartamento dei suoi genitori. Ci siamo messi così alla ricerca di un immobile dove andare a vivere insieme e intanto, avendo sei mesi di disdetta, ho inviato regolare disdetta al mio proprietario (che non mi ha risposto). Adesso però (dopo tre mesi dalla disdetta) la situazione è cambiata: non solo non avevamo trovato una casa che andasse bene ad entrambi, ma soprattutto la nostra storia si è conclusa e quindi ora il mio monolocale tornerebbe ad essermi molto comodo.
Come fare però con la disdetta inviata? Posso tornare sui miei passi e rimanere qui?
Grazie
Costantino

Caro Costantino,
nonostante la comprensione e la solidarietà, devo dirle che la disdetta, da lei inviata correttamente, rappresenta un atto negoziale unilaterale, che esprime in questo caso la sua volontà di non proseguire con il rapporto di locazione. Pertanto la non risposta del proprietario non invalida la sua comunicazione, è importante, invece, sapere che lui l'abbia ricevuta e ne sia a conoscenza. Adesso, per revocare quanto da lei volontariamente espresso, è strettamente necessario trovare un nuovo accordo con il proprietario. Se questi, a seguito della sua comunicazione, avesse già avviato e soddisfatto la ricerca di un nuovo inquilino o pensato ad un utilizzo diretto del monolocale, allora potrebbe rifiutare la sua revoca e pretendere la cessazione del rapporto di locazione ed eventualmente procedere con lo sfratto per finita locazione se lei non dovesse liberare l'immobile nei termini indicati.
D'altronde con un po' di ottimismo possiamo immaginare che se ci sono sempre stati buoni rapporti e lei è un inquilino regolare nei pagamenti e corretto nei comportamenti, il proprietario sarà felice della sua revoca e quindi andrete insieme ad annullare la precedente disdetta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Disdetta contratto di locazione.
5 trucchi per una disdetta perfetta. Come lasciare l’immobile in affitto, senza rimpianti.
Imposta di registro: va pagata sempre l’intera annualità anche se nel frattempo è stata inviata una disdetta?

 

Presentazione Autore
Isabella Tulipano
Author: Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Commenti (101)

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve. Sono in affitto con un regolare contratto 3+2 stipulato esattamente un anno fa, ma vivo nello stesso immobile da 4 anni (gli anni precedenti avevo un contratto transitorio rinnovato per 2volte) e in tutto questo tempo sono sempre stato puntuale e in regola con i pagamenti. Da qualche mese ho avuto problemi importanti cn i nuovi inquilini del piano di sotto, i quali dire che destabilizzavano la tranquillità mia di mia moglie e di mia figlia piccola è dire poco... Dopo essermi rivolto alla proprietaria, all'amministratore e persino alle forze dell'ordine nn se ne è cavato un ragno dal buco, al punto che ho deciso di mandare disdetta anticipata per gravi motivi. Ora le cose sono un pó rientrate e per di più sono cambiati anche dei progetti di vita. Fra circa sei mesi dovrei essere trasferito con il lavoro e vorrei fare un passo indietro (e per evitare traslochi a ripetizione, e perché non ho trovato un nuovo appartamento che risponda alle nostre esigenze, e perché non so se lo troverò mai per solo 6 mesi) ma la mia correttezza e la mia disponibilità nn ha pagato...la proprietaria dice di essersi già "impegnata" con dei nuovi inquilini che hanno visionato l'appartamento! Volevo chiederle se esiste qualche cavillo o una qualche soluzione che mi possa permettere di rimanere in casa per questi 6mesi. P. S. Per maggiore chiarezza specifico che la disdetta è stata spedita a mezzo raccomandata A/R a metà mese scorso sia alla proprietaria che all'amministratore per conoscenza. La ricevuta di quella dell'amministratore mi è arrivata e la raccomandata è stata ritirata a fine mese, mentre di quella spedita alla proprietaria ancora nulla. Premetto che la proprietaria, con cui ho avuto anche dei colloqui telefonici, né è al corrente. Specifico inoltre che come da accordi telefonici, vista l'esasperazione raggiunta, avrei lasciato casa anche prima... Cosa posso fare? Se continuo a pagare l'affitto posso contrastare la situazione inviando nuova raccomandata cn spiegate le motivazioni e la richiesta di proroga? Se resto a prescindere da tutto a cosa rischio? L'eventuale sfratto sarebbe immediatamente eseguibile o avrei il tempo...? Chiedo scusa per essere stato prolisso e ringrazio in anticipo per le info.

Alessandro
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Alessandro per poter ritirare ufficialmente la raccomandata dovrebbe chiedere al proprietario di firmare una scrittura in cui si esplicita il ritiro della raccomandata inviata in data... e il proseguo del contratto alle stesse condizioni e con la stessa scadenza. Se il proprietario non volesse accettare il ritiro allora la raccomandata continua ad avere valore e dovrebbe lasciare la casa alla data indicata.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Grazie. Ho dimenticato di chiederle un'altra Info importante... Nella disdetta ho specificato, dopo averne parlato cn la proprietà, che avrei lasciato casa quanto prima specificando anche una data antecedente alla scadenza naturale del preavviso di disdetta, e vista la situazione mi servirebbe quel tempo in più. La domanda è se posso ritenere che faccia fede la data di scadenza dei 2 mesi di preavviso, come da contratto, oppure quella che ho indicato. Grazie

Alessandro
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Alessandro se il proprietario ha accettato la disdetta così com'è vale la data che lei ha indicato.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno,
Sono un'inquilino (famiglia con 2 bambini)avevo mandato la raccomandata quasi 6 mesi fa per il recesso anticipato del contratto solo che adesso visto che non trovo altra sistemazione vorrei stare nel appartamento ma il proprietario non ha accettato dicendomi che ha già dato la parola ad altri inquilini.
Sapendo che non ho sempre pagato tutto quello che devo pagare sia di canone sia di spese condominiali.
Posso stare nel appartamento visto che non ho alternative?
Grazie

Nidhal
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, una volta data la disdetta in effetti deve liberare l'immobile; non facendolo nei tempi indicati il proprietario potrebbe chiederle i danni.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, io e mio figlio di 9 anni stiamo cercando un nuovo appartamento dopo aver spedito una raccomandata di disdetta contratto al proprietario di casa (2 mesi fa).
L'agenzia incaricata di trovarmi una nuova sistemazione, nel mentre, ha trovato dei nuovi inquilini che subentreranno al posto nostro una volta scaduti i 6 mesi, e gli ha fatto firmare una carta che li impegna a fare questo. Io e mio figlio però non riusciamo a trovare nulla in affitto che soddisfi le nostre esigenze così chiesi al proprietario di casa di poter annullare la mia disdetta.
Lui rispose che lo farebbe più che volentieri se non fosse che 7 giorni prima aveva firmato anche lui l'impegno coi nuovi futuri inquilini, ma se fossi riuscita a trovare un'accordo con l'agenzia per lui non c'erano problemi.
Vorrei sapere se ho speranze di poter avanzare questa richiesta o se invece quella carta è vincolante e quindi non posso più farci nulla.
Grazie mille!

Alice
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Alice, diciamo che è il proprietario a poter decidere di continuare ad avere lei come inquilina; dovrà però restituire ai futuri nuovi inquilini il doppio della caparra versata, per cui si tratta di trovare un accordo economico.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Sono proprietario di un appartamento in affitto, a Giugno l'inquilino mi aveva comunicato che avrebbe lasciato l'appartamento a fine Agosto, il problema è che ho inviato all'agenzia delle entrate la comunicazione di
risoluzione (codice 4) del contratto di locazione.
Adesso l'inquilino mi ha informato che intende rimanere ancora nell'appartamento e non avendo niente in contrario ho accettato.
Vorrei sapere come mi devo comportare con la comunicazione all'agenzia delle entrate, se si può annullare e come?
La ringrazio

Ezio
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Ezio, se ha comunicato che il contratto è chiuso (andrebbe comunicato a chiusura effettiva del contratto) ora dovreste stipulare e registrare un nuovo contratto.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno
Il mio proprietario mi ha mandato lettera di recesso del contratto con 6mesi di anticipo dalla scadenza del primo 4° anno (contratto 4+4).
La lettera mi è statat recapitata con raccomandata a/r. Nella lettera non ha scritto nessun grave motivo ma solo di lasciare l'immobile. (Io so che vorrebbe venderla) .
A me va bene andare via in quanto sono persone poco rispettose. Ma io vorrei una conferma: devo rispondere alla raccomandata dicendo si o no , o avendola ritirata ne prendo atto e basta? Cioè, è obbligato rispondere alla loro lettera?
Voglio tutelarmi in caso succeda qualcosa o non mi voglia riversare la mia caparra, che se appunto ci sono problemi mi posso attaccare alla sua lettera. Grazie

Claudia
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Claudia, il fatto di aver ritirato la lettera costituisce il suo prenderne atto così come il fatto che non abbia contestato la mancanza dei gravi motivi.
Magari potreste comunque riparlare della data esatta in cui lascerà la casa e di come avverrà la restituzione del deposito.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera, mi trovo nella condizione in cui il proprietario dell'immobile nel quale sono in affitto intende recedere il contratto alla prima scadenza. Lui vive in altra città, mi dice che, per impegni economici propri ha deciso di vendere la casa dove sono in affitto. Da quello che so lui risiede altrove credo abbia acquistato casa nel posto dove vive e lavora. Alla stipula del contratto mi avevano assicurato che per 4 anni + 4 di rinnovo mi avrebbero lasciata tranquilla. Oggi mi comunicano che vogliono mettere in vendita, io non posso acquistare e fare di nuovo un trasloco sarebbe estenuante oltre tutto non ho altro immobile con le stesse caratteristiche dove posso andare. Ho la possibilità di chiedere di restare altri 4 anni? Grazie, sarebbe importante capire. Natalina

Natalina
This comment was minimized by the moderator on the site

Buon giorno,
sono un conduttore ho fatto disdetta scritta con raccomandata 3 mesi prima al locatore,per un acquisto di una casa.
purtroppo il mutuo non è andato a buon fine.adesso il locatore vuole che io liberi l appartamento per il 19/09/19,perchè nel frattempo sono venuti dei nuovi inquilini a vedere la casa ,l locatore ha preso accordi con uno di loro. Mia moglie è in cinta se resto nell'immobile e continuo a pagare regolarmente il canone cosa mi può succedere, o meglio cosa mi consiglia?

Maurizio
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Maurizio, avendo inviato regolare disdetta e avendo il proprietario accettato tale disdetta ora in effetti deve lasciare l'immobile o trovare con il proprietario un accordo che potrebbe prevedere ad esempio il risarcimento del doppio della caparra che il proprietario dovrà restituire ai futuri inquilini nel momento in cui si ritira.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve vorrei un informazione ho un contratto 4 più 4 l anno scorso ho fatto una disdetta poi per vari motivi non sono più andato via e la proprietaria mi ha concesso di rimanere dentro l appartamento facendo finta che non gli fosse arrivato nulla ora ho mia moglie in attesa stiamo aspettando il consenso della banca per il mutuo lei non può stare in questa casa perché è allergica e stando in un piano interrato ci sta erba e alberi difronte che le stanno complicando la gravidanza devo fare una lettera di disdetta alla proprietaria o vale la lettera fatta l anno scorso? Grazie

Angelo
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Angelo, a questo punto la lettera di disdetta va ripresentata; al più può mettersi d'accordo per un periodo di avviso ridotto.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

buongiorno,le chiedo se una volta data la disdetta e poi prorogata di altri 3mesi per il ritardo del mutuo pratiche burocratiche ecc...è possibile,per legge??? (avendo già inviato per via raccomandata un ulteriore proroga con il rogito già eseguito della casa che abbiamo comprato,e che i lavori con chiavi in mano saranno pronti tra 4mesi,e ci è stato negata la proroga perché la figlia del proprietario deve entrare in casa che stiamo affittando nel termine stabilito nella seconda proroga,cioè tra 2settimane) dato che la casa nuova è pronta tra 4mesi ed è inutile affittarne una per così poco tempo,ho la bambina di 2anni e sono incinta.Grazie!

Larissa
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Larissa, diciamo che non si tratta di una proroga, ma di un accordo tra le parti. A questo punto se volesse mandarvi via prima il proprietario dovrebbe procedere con lo sfratto; per cui conviene anche a lui trovare un accordo.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentili Signori,
Abbiamo inviato regolare disdetta per motivi di lavoro (trasferimento) ad ottobre 2018. Successivamente abbiamo saputo che il trasferimento si sarebbe verificato a giugno 2019 invece che a marzo. Mio marito ha ritenuto opportuno comunicare al proprietario via mail il cambiamento e chiamarlo per una conferma. Il proprietario non ha risposto alla mail ma ha risposto telefonicamente che era d’accordo.
Nell’ultimo mese ci siamo accorti che le quote condominiali versate al proprietario erano superiori a quelle realmente dovute, così abbiamo chiesto la documentazione all’amministrazione condominiale. Ieri il proprietario ci ha scritto una mail nella quale diceva che saremmo dovuti essere fuori di casa già da tempo e che pretende il rilascio dell’immobile entro il 15 del mese, cioè fra 7 giorni. Noi abbiamo già pagato il mese in corso per intero. Cosa possiamo fare?

Nelly
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Nelly, dal momento in cui avete mandato la disdetta c'erano i sei mesi per andar via, ma se allo scadere dei sei mesi non vi è stata fatta alcuna richiesta nè registrato alcuna risoluzione anticipata. Quindi di fatto al momento potete rimanere nell'immobile, la difficoltà sarà più legata a quando dovrete andar via realmente.

Isabella Tulipano
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi