Cerca

Risoluzione immediata del contratto: solo se l’immobile è inagibile.

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Luglio 28, 2016
Visite: 19916

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
inquilino può lasciare immobile da subito se non agibile

Sì, è possibile lasciare subito l’immobile, se non ci sono le condizioni minime per utilizzarlo.

Riceviamo spesso richieste di chiarimenti circa i termini di preavviso da rispettare nel momento in cui viene data disdetta del contratto d’affitto da parte degli inquilini. In molti contestano di dover rimanere sei mesi ancora in quell’immobile (o semplicemente di dover pagare ancora per quel periodo) perché non ci sono più le condizioni per viverci: muffa, ascensore che non funziona, mattonella rotta, doccia inagibile, ecc.. tantissime le motivazioni per cui un inquilino si sente legittimato a smettere di pagare il canone d’affitto, ma può farlo?

Quando posso smettere di pagare il canone?


È una domanda che un inquilino si pone nel momento in cui si ritrova, ad esempio, a vivere in un appartamento in cui la muffa sulla parete, partita come piccola macchia, è diventata una presenza imbarazzante a cui la proprietà non intende porre rimedio. Posso smettere di pagare ci chiedono in questo caso?
La risposta in questo caso distingue due casistiche:
1. La situazione di muffa è tale che rende l’appartamento non vivibile. Il danno è causato da un vizio proprio dell’immobile a cui il proprietario non vuole porre rimedio. In questo caso diciamo all’inquilino di inviare la raccomandata per lasciare subito l’immobile e contestare una grave vizio della cosa locata.
2. La situazione è grave ma non rende inagibile l’immobile. Allor all’inquilino può inviare disdetta ma rispettando i termini di preavviso previsti da contratto. Val per la muffa come per gli altri eventuali danni.

Come nel caso di questo quesito postoci da Alessandra.

Buongiorno,
vi disturbo per conoscere più a fondo quali sono gli adempimenti che mi spettano nel caso in cui volessi dare disdetta anticipata del contratto di locazione 4+4 regolarmente stipulato a Luglio 2010.
Come prevedono le varie leggi, devo dare disdetta 6 mesi prima del rilascio dell'appartamento, ma nel caso specifico, abbiamo riscontrato danni evidenti all'appartamento, compresa la caduta accidentale di gran parte dell'intonaco del soffitto in una delle camere da letto che, a distanza di un mese, ancora il conduttore non ha fatto sistemare.
Oltre a tale danno, che rende parzialmente inagibile la stanza, abbiamo riscontrato altri danni su pareti, pavimenti (oscillazioni percepite anche dai nostri vicini di casa del piano inferiore) ed altri problemi relativi all'impianto elettrico e di riscaldamento.
In tal caso posso inviare disdetta al conduttore, specificando che, a causa della mancanza di sicurezza nell'appartamento, vorrei anticipare il rilascio dell'immobile ad uno, massimo due mesi?
Grazie sin d'ora per la risposta.
Cordiali saluti.

Alessandra

Quello che abbiamo risposto alla nostra lettrice Alessandra è proprio di distinguere la gravità dello stato del suo appartamento: una stanza è inagibile e il resto della casa non sta tanto meglio.

Possiamo dire allora che in caso di inagibilità della cosa locata viene meno il principio base del rapporto di affitto, quello che il linguaggio giuridico definisce “sinallagma”. Ovvero, l’articolo 1575 del Codice Civile definisce il contratto di locazione come un tipico contratto a prestazioni corrispettive: l’inquilino si vincola al pagamento dei canoni pattuiti come contropartita dell’obbligo del proprietario di consegnare la cosa locata in buono stato di manutenzione, di mantenerla in stato da servire all’uso convenuto e di garantirne il pacifico godimento durante la locazione.
Quindi è nella sua definizione stessa che si individua l’unica “eccezione di inadempimento”; quindi l’inquilino può sospendere e smettere di pagare il canone d’affitto se l’immobile concesso a questo scopo non è di fatto utilizzabile.

Lo afferma la Cassazione “Al conduttore non è consentito di astenersi da versare il canone, ovvero di ridurlo unilateralmente nel caso di verifichi una riduzione o una diminuzione del godimento del bene e ciò, anche quando assume che tale evento sia ricollegabile al fato del locatore. La sospensione totale o parziale dell’adempimento dell’obbligazione del conduttore è, difatti, legittima soltanto qualora venga completamente a mancare la controprestazione da parte del locatore, costituendo altrimenti un’alterazione del sinallagma contrattuale che determina uno squilibrio tar le prestazioni delle parti. Inoltre, secondo il principio inadimplenti non est adimplendum, la sospensione della controprestazione è legittima solo se conforme a lealtà e buona fede” (Cass. civ. n. 261/2008.Espressive del medesimo principio sono anche: Cass. civ. n. 14739/2005, n. 2855/2005, n. 8425/2006; n. 3341/2001).


Lo conferma in una recente sentenza del Tribunale di Potenza n. 469 del 28 aprile 2016: il giudice delimita, chiaramente, le ipotesi in cui l’inquilino può giustamente sospendere il pagamento dei canoni di affitto al caso di inadempimento degli obblighi spettanti al proprietario del bene.
In questo caso l’inquilino contestava la mancata consegna del documento di agibilità e dell’utilizzo di uno scantinato. Motivazioni respinte dal giudice come insufficiente per giustificare un mancato pagamento del canone, mentre ha accolto la richiesta del proprietario che aveva citato l’inquilino per morosità per i canoni non versati, appunto. L’inquilino aveva valutato anche di pagare un canone maggiore rispetto al valore del bene, richiesta anch’essa respinta perché è importante valutare bene l’immobile quando si sceglie di prenderlo in affitto.

Una modifica è consentita se ci sono condizioni che variano nel tempo.

Come nel caso di questo nostro lettore


Salve, ho un quesito un po’ particolare...
Premetto che sono il locazione in un appartamento "ricavato" da un ex soffitta che non era, immagino, pensata come abitazione. Hanno quindi fatto un bagnetto un po’ arrangiato e la cucina.
In particolare il bagnetto presenta imperfezioni: il soffitto non è stuccato. C è un materiale credo isolante tipo polistirolo, tubicini scoperti che vi fuoriescono e vari buchi quindi nel sottotetto.
Il problema però non sono questi difetti quanto che in questi giorni ho avvistato più di un ragno.
Ho un contratto di locazione 4+4 e non voglio lasciare l’appartamento.
Avrei diritto ad una riduzione del canone? O lavori di manutenzione?
Grazie anticipatamente.


Considerata, quindi, la specifica richiesta del lettore che non vuole lasciare l’immobile, potrà chiedere una riduzione del canone corrisposto, tenendo conto della riduzione di valore della cosa locata.


Art. 1578 del codice civile. Vizi della cosa locata.

“Se al momento della consegna la cosa locata è affetta da vizi che ne diminuiscono in modo apprezzabile l'idoneità all'uso pattuito, il conduttore può domandare la risoluzione del contratto o una riduzione del corrispettivo, salvo che si tratti di vizi da lui conosciuti o facilmente riconoscibili.
Il locatore è tenuto a risarcire al conduttore i danni derivati da vizi della cosa, se non prova di avere senza colpa ignorato i vizi stessi al momento della consegna”.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Risoluzione anticipata del contratto: quanto mi costa non averci pensato prima!
5 trucchi per una disdetta perfetta. Come lasciare l’immobile in affitto, senza rimpianti.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Francesco

    Buongiorno volevo sapere come comportarmi in caso di muffa sui muri, umidita dentro i mobili e di conseguenza vestiti che sanno di muffa, vetri che grondano acqua di condensa zoccoletti che grondano acqua di condensa ( dovuta non so a cosa). Il padrone di casa mi ha detto che non ha i soldi per fare i lavori....
    Noi paghiamo 600€ di affitto ma 400€ tramite bonifico e 200€ a nero in contanti. Si xke il contratto lo ha fatto di 400€ e noi ne siamo consapevoli di tutto questo. Intanto da 3 mesi gli do solo 400€ e ovviamente sto cercando casa perche l'aria è diventata pesante dentro casa, pur lasciando aperta qualche finestra aperta. Ma la notte come si fa? Ci si sveglia con gli occhi gonfi. Chiedo se è possibile una bozza di lettera x disdetta contratto x cause muffa. Grazie e buona giornata... P.s. da 7 anni che ci vivo non ha mai speso 1 euro e la casa l'abbiamo sempre pulita dalla muffa ma non era cosi vistosa e presente.
    Lui se ne è uscito dicendo non posso fare lavori ne tanto meno posso obbligarti a restare....come mi consigliate di agire?
    Restando in attesa di una sua risposta porgo i piu cordiali saluti.
    Francesco Vitrano

  • Buonasera Francesco, diciamo che se dà disdetta rispettando il preavviso può semplicemente usare un modello di risoluzione anticipata; mentre se parliamo di un grave vizio potrebbe chiedere la risoluzione immediata del contratto idere il recesso immediato ai sensi dell'articolo 1578 del codice civile, secondo cui:

    Se al momento della consegna la cosa locata è affetta da vizi che ne diminuiscono in modo apprezzabile l'idoneità all'uso pattuito, il conduttore può domandare la risoluzione del contratto o una riduzione del corrispettivo, salvo che si tratti di vizi da lui conosciuti o facilmente riconoscibili.
    Il locatore è tenuto a risarcire al conduttore i danni derivati da vizi della cosa, se non prova di avere senza colpa ignorato i vizi stessi al momento della consegna.

  • tiziana

    Buongiorno, sono un'affittuaria all'8 anno di rinnovo del contratto 4+4 ( rinnovatosi a settembre). Da novembre i termosifoni del condominio non sono stati accesi e scopro ora che c'e ' una causa di una condomina verso il condominio che non permettera' l'accensione se non , per essere positivi a detta dell'amministratore che nel frattempo sta lasciando il suo incarico, a far data Marzo 2018.
    La mia abitazione e' gelata e sono obbligata a tenere accese le stufe ed il forno della cucina l'intera giornata per avere un po' di sollievo, ma avendo le finestre che non chiudono bene e spifferano la notte non posso dormire. Vorrei sapere se questa situazione puo' permettermi di richiedere la risoluzione del contratto di affitto senza dover rispettare i 6 mesi di preavviso ( visto che sono venuta a conoscenza del problema dopo il rinnovo del contratto) senza dover pagare alcuna penale. Ho gia' avuto la prima influenza causa temperatura abitazione.

    Grazie

  • Buongiorno Tiziana, la mancanza di riscaldamento può essere considerato un grave vizio che le impedisce di utilizzare il bene e pertanto chiedere la risoluzione immediata del contratto.

  • Elisa

    Salve, sono una studentessa fuori sede. Ho preso in affitto una stanza doppia in un appartamento con altre ragazze. La casa sembrava in buono stato, fatto sta che appena arrivato il freddo (ottobre) la casa è diventata parecchio fredda e quindi dobbiamo tenere accesi i termosifoni. Li teniamo accesi solo quando siamo a casa, il problema è che in una delle stanze è venuta fuori la muffa e la proprietaria ha detto che guai a noi se non teniamo accesi i termo 24 su 24. (Questo perché non vuole che esca altra muffa). Viene pure a controllare a sorpresa il termostato. Il fatto è che prima di prendere in affitto la camera (con contratto studenti solidale) avevo chiesto a quanto ammontavano le bollette e lei aveva risposto sui 25 euro e ora scopro che le bollette toccano i 35 ,euro mensili proprio a causa del riscaldamento acceso perennemente. Cosa potrei fare? La proprietaria ci ha anche mentito su parecchie questioni riguardanti la casa come ad esempio il canone doveva essere 165, poi quando tutte le ragazze avevano aderito ha deciso di alzare la quota a 170, inoltre aveva detto che non c'erano spese condominiali quando in realtà ci sono anche se minime ( 4 euro a mese). Poi ci ha nascosto il fatto che affittava già una camera ad una donna di quasi 50 anni.
    A proposito della muffa, la vuole lasciare lì fino alla bella stagione (perché i muri sono troppo umidi)

  • Gentile Elisa, rispetto alla muffa se la situazione è tale per cui non si riesce ad abitare potete chiedere la risoluzione del contratto; più probabilmente, considerando un valore ridotto della casa potete chiedere la riduzione del canone di locazione.

  • Elisa

    Grazie mille, tenteremo di risolvere la cosa!

  • Fabio

    Salve sono in affitto con contratto 3+2 canone concordato. A causa di cattive amministrazioni precedenti,il condominio è fortemente indebitato con la società del gas che ha messo i sigilli al contatore,con la conseguente mancata accensione dei riscaldamenti. Siamo ben oltre la data prevista per l'accensione e l'amministratore ha chiaramente fatto capire che quest'anno il servizio non verrà erogato se non verrà saldato il debito.Abbiamo due bambini e il freddo si fa sentire. Potremmo avere il diritto di recedere anticipatamente dal contratto per questi motivi? Grazie in anticipo. Fabio

  • Certo Fabio, questo rappresenta un grave motivo per dare disdetta immediata; eventualmente il proprietario potrà rifarsi poi sul condominio.

  • Fabio

    Nel ringraziarla,le vorrei chiedere come comportarsi nel caso il locatario si rifiuti di recedere consensualmente. Ho già trovato una casa e non vorrei perderla.Se facessi un nuovo contratto e disdicessi il vecchio pagando ovviamente le sei mensilità,ho qualche speranza di recuperare i canoni pagati a vuoto?

  • Essendoci un grave vizio che le impedisce di usare il bene, può andar via chiedendo la risoluzione immediata e rifiutando l'eventuale richiesta, da parte del proprietario, del pagamento delle mensilità di preavviso che di fatto lei non concede.

  • Fabio

    Grazie mille seguirò i Suoi consigli e speriamo bene...

    0 URL breve:
  • Sorina Popescu

    Buongiorno, sono in affitto con un contratto regolare 4+4. L'immobile è diviso non catastalmente in due appartamenti, quindi per tutti e due appartamenti ci sono le solite utente con un unica fattura e senza nessuna divisione di contatori. In un appartamento ci vivo io nel altro la proprietaria del imobille. Quando ho firmato il contratto erano stati presi accordi che le bollette si dividevano a metà. Quest' anno invece la proprietaria ha affittato ad una copia anche il suo appartamento, l'unico problema è che entrambi sono disoccupati e dicono di trovarsi impossibilità di pagare le bollette che arriveranno durante l'inverno sul gas quindi hanno deciso di non accendere il riscaldamento. Cosa che implica, essendo un unica utenza, che neanche nel mio appartamento ci sia riscaldamento. In queste condizioni posso chiedere la risoluzione del contratto imediata senza preavviso di 6 mesi come da contratto? Grazie anticipatamente per la risposta!

  • Buongiorno Sorina, potrebbe chiedere innanzitutto che si trovi una soluzione al problema; quindi accedendo il riscaldamento nel suo appartamento con il proprietario che interviene a risolvere la cosa; se non vuole invece trovare una soluzione allora potrebbe chiedere una risoluzione immediata del contratto per grave vizio.

  • Sorina Popescu

    Ho gia richiesto che si trovi una soluzione, e mi è stato risposto che la copia non volendo aprire il riscaldamento si atrezzerano di una stufa elettronica, e che anche io faccio lo steso. A parte che non mi sembra una cosa giusta, sta iniziando a subentrare un ulteriore problema che a mancanza di riscaldamento con l'umidità in casa inizia ad apparire la muffa.
    Accendere sono nel mio appartamento non è possibile in quanto il termostato che rileva quindi la temperatura ambiente e gestisce la caldaia è nel loro appartamento, quindi alla loro gestione. Grazie anticipatamente per un suo riscontro ulteriore.

  • Allora se il proprietario non intende risolvere il problema, può procedere con la risoluzione immediata del contratto.

  • Sandra del Prato

    Posso avere la risposta sulla mia email?

  • Sandra del Prato

    Gentilmente vorrei sapere se è consentito al conduttore non pagare più il fitto a seguito di danni causati da lavori fatti dal comune di Vietri sul Mare per l'installazione di un ascensore dalla ferrovia al paese. Il locale è un ristorante e la veranda necessaria nei mesi invernali, è stata invasa dal fango a seguito di piogge torrenziali. Il locale ha cmq una parte interna, ma piccola ed una terrazza che può essere utilizzata solo d'estate. A seguito di questo evento, il conduttore non paga più. Il contratto è di 9 più nove anni, regolarmente registrato. Grazie

  • Gentile Sandra, l'inquilino può chiedere una risoluzione immediata per gravi vizi che impediscono di utilizzare il bene; se si tratta solo di un parziale danno e se continua ad occupare il locale è tenuto invece a pagare e al più a chiedere la riduzione del canone, proporzionalmente alla riduzione del valore del bene.

  • Desiree

    Buongiorno,
    Le spuego il mio problena, spero possa aiutarmi.
    A settembre di quest'anno ho deciso che avrei preso in affitto la casa dove tutt ora vivo, ho versato subito i due mesi di caparra sperando apounto nella tempestività. ad ottobre con tutta calma mi e stato fatto il contratto di affitto. Il geometra a settembre mi disse "ci son dei lavoretti da fare, entrerai ad ottobre senza pagare l affitto, che inizierai a pagare da novembre". E andata a finire che, ho speso tutti i miei risparmi per stuccare le parete, verniciare, traslocare i mobili, ecc. Ora mi ritrovo a vivere in una casa non agibile! Non posso fare la doccia per un grosso problema di perdite che e saltato fuori settimana scorsa e oggi dopo la visita dwl muratore sembra addirittura debbano spaccare il pavimento. Io son costretta a vivere qui, ma visto quanto se la tirano alle lunghe vorrei capire se e posibile la risoluzione del contratto e rimborso di tutti i soldi che ho speso per una casa che mi e stata affittata senza l minima preoccupazione di effettuare prima un controllo degli impianti. Ho saputo dopo che il proprietario affitta senza preoccuparsi di sistemare prima le case e fa i lavori quando sono strettamente necessari. Io è da ottobre che vivo in una casa non vivibile.
    Spero poss aiutarmi.
    La ringrazio.
    Cordiali saluti.

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Risoluzione di diritto del contratto: posso liberare l’immobile e non dichiarare i canoni di affitto non percepiti?Risoluzione di diritto del contratto: posso liberare l’immobile e non dichiarare i canoni di affitto non percepiti?
Continuiamo ad occuparci di sfratti, soprattutto di sfratti per morosità, considerando le tante richieste che (purtroppo) ci arrivano sull'...
Chiusi per ferie: se il cantiere è quello di una casa in affitto, cosa può fare l’inquilino per “sopravvivere”? Chiusi per ferie: se il cantiere è quello di una casa in affitto, cosa può fare l’inquilino per “sopravvivere”?
L'estate piovosa non ha solo rovinato le vacanze di molti italiani, ma ha anche creato qualche problema di infiltrazioni in casa. Cosa fare allora per...
Senza il versamento della cauzione, non è lecita l’occupazione dell’immobile.  Senza il versamento della cauzione, non è lecita l’occupazione dell’immobile.
Nel momento in cui l'inquilino inizia la trattativa per prendere in affitto un immobile, concorda con l'agente e/o la proprietà le condizioni...
Muffa e umidità: come fare a liberarsi del problema o solo del contratto d’affitto?Muffa e umidità: come fare a liberarsi del problema o solo del contratto d’affitto?
Sarà la stagione, sarà che non ci sono più le case di una volta.. sta di fatto che purtroppo sono tanti, inquilini e proprietari...