Cerca

Tares e la tassa sui rifiuti: tra passato e futuro.

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Gennaio 02, 2014
Visite: 8779

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il nuovo anno comincia subito con una nuova tassa, la Tasi, tutta da scoprire. In attesa di capire come funzionerà anche la nuova tassa sui rifiuti, proviamo a capire quali sono i criteri alla base di questo tributo, quali le componenti che vengono prese in considerazioni e le variabili su cui incidono diversamente i vari regolamenti comunali in materia. Quindi, prima di mandare in pensione la tanto citata T.A.R.E.S., protagonista del 2013, vediamo insieme come si calcola e quanto abbiamo pagato.

 

Cos'è la T.A.R.E.S.?
La T.A.R.E.S. è una nuova tassa introdotta dalla Legge n. 214 del 22 Dicembre 2011 al fine di sostenere i costi relativi allo smaltimento e raccolta dei rifiuti e di altri servizi comuni detti indivisibili, quali illuminazione e manutenzione stradale, polizia municipale, anagrafe etc.
Chi Paga?

La tassa sui rifiuti grava su chiunque, persona fisica o giuridica, occupa l'immobile, a qualsiasi titolo (proprietario o inquilino ad esempio), con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune le superfici stesse.


CASI PARTICOLARI:
• In caso di utilizzi temporanei di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, anche non continuativi, il tributo è dovuto soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie. Rientrano in tale fattispecie anche le abitazioni e relative pertinenze affittate a non residenti.
• Per le parti comuni condominiali di cui all'art. 1117 del Codice Civile utilizzate in via esclusiva il tributo è dovuto dagli occupanti o conduttori delle medesime.

Come si calcola?
La base imponibile è data, per gli immobili a destinazione ordinaria, quelle in categoria A, B e C, è data dalla superficie calpestabile dei locali e dalle aree suscettibili di produrre rifiuti. Per gli immobili in categoria D la superficie assoggettabile al tributo è quella calpestabile. Nel caso in cui nella visura catastale di una civile abitazione non ci sia l'indicazione della "superficie catastale", sarà il proprietario o l'occupante a doverla dichiarare. All''importo così determinato (come precedentemente fatto per la TARSU o TIA) viene aggiunta la tariffa per i servizi indivisibili pari ad € 0,30 per ogni metro quadro di abitazione.


Che cosa comprende?
La T.A.R.E.S. viene stabilita dal regolamento Comunale in base ai criteri definiti dalla legge in materia di rifiuti (D.Lgs. 22/97 Decreto Ronchi e suo applicativo D.p.r. 158/99 e art. 14 del D.L. 06/12/2011 n° 201), ed è fondamentalmente costituita da due parti: la "Componente Rifiuti" e la "Componente Servizi".


• La componente rifiuti è divisa in Parte Fissa (PF) e Parte Variabile (PV).
Per calcolare la Parte Fissa occorre moltiplicare i metri quadrati dell'immobile per la tariffa corrispondente (decisa dal comune) al numero degli occupanti dello stesso. Se l'intestatario dell'utenza è residente nell'immobile, il Comune ricava il dato relativo agli occupanti direttamente dal numero dei componenti il nucleo familiare. Se invece l'intestatario dell'utenza non risiede nell'immobile, il numero degli occupanti viene determinato in via presuntiva, in rapporto alla superficie dei locali, secondo la seguente tabella:
da mq 0 a mq 45: 1 componente convenzionale
da mq 46 a mq 60: 2 componenti convenzionali
da mq 61 a mq 75: 3 componenti convenzionali
da mq 76 e oltre: 4 componenti convenzionali
La parte fissa viene utilizzata per coprire i costi fissi, quali lo spazzamento delle strade, attività amministrativa, ecc.
Per la quota variabile si prende in considerazione la quantità di rifiuti prodotti (dai componenti del nucleo familiare o dall'attività produttiva) e i relativi costi della gestione.
• La componente servizi è la maggiorazione, introdotta appunto dalla tares, e determinata in € 0,30 (trenta centesimi) al mq. e per l'anno 2013 sarà destinata allo Stato.

Quali locali sono calcolati nella determinazione della superficie su cui applicare la TARES?
Devono essere inclusi nel conteggio i locali "coperti", mentre sono esclusi i portici, le terrazze ed i balconi. Sono pertanto inclusi tutti i locali abitativi ed accessori (per esempio taverne o garage) ed i "sottotetti", indipendentemente dall'altezza, se risultano pavimentati e riscaldati.


Quali le riduzioni previste?
Le riduzioni sono gestite direttamente ed individualmente dai Comuni, che però possono prevedere delle riduzioni di tariffe T.A.R.E.S., nella misura massima del 30%. Tali sconti potranno essere previste:
• per i locali e le aree delle utenze domestiche non residenti, tenute a disposizione per uso stagionale;
• per le abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all'anno, all'estero;
• in caso di raccolta differenziata dei rifiuti domestici o se l'unità immobiliare è dotata di "compostiera".


Esempio di calcolo per un abitazione di 80 MQ con un box di 20 MQ e 3 componenti nel comune di Lecco:
• La parte fissa della tariffa è determinata dalla moltiplicazione del coefficiente fisso 100,00 x i mq complessivi, in questo caso 0,92; quindi 100 x 0,92 = 92,00 euro
• La parte variabile della tariffa dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare, nell'esempio per 3 è pari a 136,30 euro
• Al totale si aggiunge 5% (tributo provinciale) e 0,30 € al MQ (maggiorazione statale); per un Totale di 270,00 euro.
Utenze non domestiche (attività): in base alla superficie tassabile e alla nuova categoria.


Esempio di calcolo per un ufficio di 100 metri quadri:
• La parte fissa della tariffa si moltiplica per i MQ totali: 100,00 x 1,35 = 135,00 euro
• Anche la parte variabile della tariffa si moltiplica per i MQ: 100,00 x 1,88 = 188,00
• Al totale si aggiunge 5% (tributo provinciale) e 0,30 € al MQ (maggiorazione statale) Totale: 369,00 euro

Documenti utili per calcolare la TARES
VISURA CATASTALE
Utile per rintracciare la superficie catastale di alcune tipologie di immobili (fondi, garage, negozi, ecc.)

PLANIMETRIA
Documento indispensabile per identificare quali sono i vani dell'immobile assoggettabili al pagamento del tributo.
PLANIMETRIA CON CALCOLO
Valida per ricavare la superficie calpestabile di un immobile sulla quale viene calcolata la TARES.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

La tassa sui rifiuti va pagata dall'inquilino
Imu, Tasi, Tari: i calcoli, le scadenze e le novità per il 2016.

 

Presentazione Autore
Isabella Tulipano
Author: Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Commenti (14)

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, avrei una questione e le sarei davvero grata se mi potesse dare una delucidazione. Io vivo da 2 anni circa in un appartamento con altri studenti ma tra due settimane mi trasferisco. Oggi è arrivata la TARI, è giusto che io la paghi o mi devono escludere? Cioè è una tassa su un servizio che si paga anticipatamente o si paga il servizio quando è già stato prestato? Spero di essermi spiegata bene, e grazie in anticipo.

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Sara, di solito si paga su un servizio già erogato; in ogni caso sulla richiesta di pagamento dovrebbe esserci anche il riferimento al periodo.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve i miei genitori posseggono due case...una in provincia di Salerno intestata a mia mamma,e una in provincia di Bologna intestata a mio padre,però sono conviventi da 30 anni e non sposati...
Siamo residenti tutti in provincia di Bologna.
Abbiamo sempre pagato tutte le tasse che c'erano da pagare.
Io sono tornato in provincia di Salerno e chiederò la residenza lì perché ci resterò qualche mese.
Le bollette continueranno ad arrivare intestate a mia mamma.

Ma la tassa sui rifiuti arriverà intestata a me o a lei,visto che lei preferisce riceverla lei per non sbagliare niente???!!!

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Cristiano, di fatto poiché la tassa sui rifiuti grava su chi occupa l'immobile dovrebbe essere intestata a lei e calcolata in base al suo nucleo familiare; quindi da un incrocio tra residenza e bollette dovrebbe esserci coerenza nell'intestazione di tutti i contratti.

This comment was minimized by the moderator on the site

Cara Isabella, vorrei sapere se la tasi si calcola sui metri quadrati del totale locale o sulla parte calpestabile.
Ciao Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Roberto, la tasi si calcola sulla rendita catastale, se si riferisce alla tari e quindi alla tassa sui rifiuti si considerano i mq calpestabili a cui si possono aggiungere quelli del box auto o della taverna.

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Isabella,
Io ho datto disdetta del'alloggio in cui ero in affitto da 4anni e da
ottobre 2014 non vivrò più li.
Come faccio a sapere quanto devo pagare di tassa Tasi 2014?
Grazie arrivederci

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Mina, dovrà comunicare tale variazione all'ufficio tributi ed aspettare la cartella relativa all'ultimo periodo che le compete.

This comment was minimized by the moderator on the site

una domanda: abbiamo una seconda casa affittata da aprile 2014, la comunicazione all'ufficio competente per lo smaltimento rifiuti, va fatta allo scadere del trimestre, quindi giugno 2014, come mai è già arrivata la tassa da pagare sui rifiuti a noi proprietari?non la dovrebbe pagare l'inquilino? dobbiamo farlo presente all'ufficio per inoltrarla all'inquilino?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Valentina, a voi potrebbe essere arrivata quella di competenza per questo primo trimestre; comunque è giusto che segnalate agli inquilini di fare regolare denuncia all'ufficio tributi.

This comment was minimized by the moderator on the site

Grazie per la risposta.
Quindi il proprietario va a pagare come se fosse una seconda casa (proprietario non residente)?
Bisogna quindi determinare gli occupanti in via presuntiva in rapporto ai mq come da tabella?
Grazie
Anna

This comment was minimized by the moderator on the site

Confermo Anna, la sua ipotesi è corretta.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno,
sto cercando di capire come si regola il pagamento della tassa rifiuti per appartamenti adibiti ad affitti brevi.
Dato che gli affitti sono, appunto, brevi (da pochi giorni a qualche settimana) è impossibile oltre che inusuale farla pagare agli inquilini. Del resto non è nemmeno corretto pagare come se fosse una seconda casa proprio perchè non lo è.
Esiste qualche regolamentazione in materia?

Grazie
Anna

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Anna di solito nel regolamento si specifica che pe rcontratti di durata inferiore a 6 mesi la tassa è a carico della proprietà.

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto