Cerca

Benvenuti in casa Lagerfeld!

by Redazione BlogAffitto
on Giugno 15, 2013
Visite: 13975

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In occasione dei festeggiamenti per i 100 anni della maison Chanel è stato girato un lungometraggio diretto da Karl Lagerfeld con quella stilosissima "gnagna" di Keira Knightley, lei che ci fa essere orgogliose di essere donne e sempre lei che ci spinge ad aumentare i cm sulla carta di identità o a convincerci che la taglia 42 sia l'ultimo baluardo di sensualità.


A parte l'inciso quantomeno invidioso sulla Keira, sempre in occasione del centenario dell'internazionale Coco, Karl Lagerfeld ha aperto le porte di casa sua alla rivista francese Admagazine. Karl definito lo stilista eccentrico per eccellenza, Karl che riesce a non avere espressioni neanche davanti ad una rapina a mano armata (a meno che i rapinatori non indossino outfit estremamente cheap), Karl che "possono esserci 43° ma il collo alto non me lo levo", Karl che "quanto sei barbona a comprare su zalando.com", insomma lui, l'icona di stile, ha mostrato a noi, comuni mortali che ogni tanto inceppiamo in abiti made in china, il suo appartamento parigino all'avanguardia.


Non ci saremmo mai aspettati colori fluo e soprammobili etnici, ma neanche un gelido loft più vicino ad un ecosistema asettico di C.S.I. che a una casa. A parte la mia vena acida, nata da un budget che al massimo può comprare uno delle sue grucce, l'ambiente di Karl è definito da lui stesso futuristico. La scelta della totale assenza di colore è scaturita dal suo essere costantemente circondato dai colori, le uniche componenti strutturali sono realizzate in vetro e alluminio, il mobilio è bianco, grigio o argento. Il risultato è un ambiente sterile, ma nello stesso tempo sacro e inviolabile.

Tutto è immobile come fotografato dal tempo, l'unico essere vivo che circola in casa (dalle foto non si vede, quindi io non sono poi così convinta che esista davvero) è la gatta Choupette.


Il desing per arredare dove vive la moda è firmato da Martin Szekely, Marc Newson passando per Ronan & Erwan Bouroullec, Amanda Levete, Barber & Osgerby o Jean-Marie Massaud. Forse non tutti riconosceranno le marche citate, ma consoliamoci perché non solo di moda vive Karl, ma anche di due lattine di Coca Light trovate spaesate nel suo frigorifero.


Ebbene sì, anche lui beve.

 

futurismo e assenza cromatica nell appartamento di karl lagerfeld 1

 

futurismo e assenza cromatica nell appartamento di karl lagerfeld 2

 

futurismo e assenza cromatica nell appartamento di karl lagerfeld 3

 

futurismo e assenza cromatica nell appartamento di karl lagerfeld 4

Presentazione Autore
Redazione BlogAffitto
Author: Redazione BlogAffitto

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto