Cerca

Il mondo che cambia in ogni istante, le leggi che vengono riscritte, la casa che è un bene primario e un diritto inalienabile. Questa rubrica è pensata per tenervi aggiornati sulle novità del mercato immobiliare. Perché tutti, in fondo, ne facciamo parte.

Rimani aggiornato sull'argomento

by Chiara Bianchi
on Agosto 06, 2018
Visite: 38

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Incostituzionale il requisito di lunga residenza per gli stranieri che richiedono il bonus affitti.

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità incostituzionale della normativa che richiede la lunga residenza agli stranieri extracomunitari per accedere al bonus affitti. Decade quindi l’art. 11, comma 13, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, il quale prevedeva che l’accesso al Fondo nazionale per il sostegno al pagamento dei canoni di locazione fosse condizionato, in caso di immigrati extracomunitari, dal possesso di un certificato storico di residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale oppure da almeno cinque anni nella medesima regione.

Leggi tuttoFondo affitti stranieri, addio requisito di lunga residenza.
by Chiara Bianchi
on Luglio 20, 2018
Visite: 620

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Autotutela per avvisi di liquidazione

Un nuovo servizio telematico permette di richiedere assistenza per gli avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione.

Da oggi contribuenti e intermediari possono chiedere via web di riesaminare gli avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione nel caso in cui si ritenga vi sia un errore. Si chiama Istanze Autotutela Locazioni il servizio attivo dal 18 luglio che ha arricchito la piattaforma Civis con cui i cittadini possono fare richiesta all’Agenzia delle Entrate per ricevere assistenza e correggere le comunicazioni di irregolarità, gli avvisi telematici e le cartelle di pagamento, e per sanare le eventuali anomalie o segnalare le motivazioni per cui si ritiene non dovuto il pagamento di un’imposta.    
Per accedere al servizio Civis Autotutela occorre essere abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, Fisconline o Entratel per i professionisti, e selezionare il link ”Istanze di autotutela locazioni”. Una volta inviata la richiesta, si può consultare online lo stato della lavorazione ed essere avvisati della conclusione della lavorazione via sms o email. A seguito dell’annullamento parziale dell’avviso, inoltre, è possibile stampare l’F24 precompilato contenente gli importi rideterminati a seguito della lavorazione effettuata dall’ufficio di competenza.

Si può inviare la richiesta di revisione solo rispettando alcune condizioni, ovvero:
- l’avviso non deve risultare annullato;
- non sia presente un’istanza di autotutela accolta;
- l’avviso di liquidazione deve riferirsi agli ultimi 5 anni.

Per quali avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione è possibile chiedere il riesame?

 

Di seguito le motivazioni per cui è possibile presentare istanza telematica ricorrendo a Civis al fine di sanare irregolarità sul contratto di affitto:
- l’avvenuto pagamento dell’imposta di registro;
- la risoluzione anticipata del contratto (compreso il caso di ordinanza di convalida di sfratto o di finita locazione);
- il contratto è in cedolare secca;
- il contratto è stato ceduto (compreso il caso di subentro);
- il contratto è stato modificato con riduzione del canone di locazione;
- l’imposta è stata pagata per l’intero periodo al momento della registrazione.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea come Civis Istanze di Autotutela Locazioni sia il primo servizio di assistenza tramite web che concerne gli atti relativi all’imposta di registro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Imposta di registro: va pagata sempre l’intera annualità anche se nel frattempo è stata inviata una disdetta?
In vigore nuove sanzioni per tardiva registrazione, adempimenti successivi e risoluzione dei contratti in cedolare secca.

 

by Chiara Bianchi
on Aprile 04, 2018
Visite: 3145

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Se l’immobile è occupato abusivamente, il proprietario è esentato dal versamento di Imu e Tasi.

Per il proprietario di un immobile occupato abusivamente è prevista l’esenzione dalle tasse sulla casa Imu e Tasi. Il chiarimento arriva dalla Commissione tributaria provinciale di Roma, in seguito a due casi di ricorso sostenuti da una società che si era vista contestare dal Comune della Capitale la fondatezza della domanda di restituzione delle due imposte indebitamente versate.

Leggi tuttoNiente Imu e Tasi per il proprietario dell'immobile occupato abusivamente.
by Chiara Bianchi
on Marzo 23, 2018
Visite: 3700

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Cresce anche nel 2017 il numero di contratti di affitto.

Una nuova conferma arriva per il settore degli affitti: anche nel 2017 il numero di contratti stipulati risulta in netta crescita. Secondo il Rapporto sul mercato immobiliare della Fiaip, la più diffusa associazione di categoria degli agenti immobiliari in Italia, il volume di contratti nel comparto residenziale registra un +12% rispetto all’anno precedente. Un’ulteriore accelerazione dopo la successione positiva rilevata negli ultimi dieci anni, che nel 2016 aveva visto addirittura raddoppiare il tasso di incremento annuo dei contratti di affitto osservato nel triennio precedente. Segno positivo anche per i negozi (+2%), mentre continua il trend negativo per uffici (-0,50%) e capannoni (-0,80%).

Leggi tuttoNel 2017 gli affitti crescono del +12%: il nuovo modello dell’abitare passa dalla locazione.
by Chiara Bianchi
on Marzo 19, 2018
Visite: 1202

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il sismabonus è valido anche se l’edificio è destinato all’affitto.

L’agevolazione fiscale sismabonus, prevista per interventi di miglioramento sismico degli edifici, vale anche nel caso gli immobili messi in sicurezza siano destinati all’affitto. Il chiarimento arriva dalla risoluzione n. 22/E del 12 marzo 2018 dell’Agenzia delle Entrate, che specifica inoltre come anche i soggetti Ires (in sostanza società ed enti) possano fruire della detrazione in seguito agli interventi di adeguamento antisismico degli edifici non utilizzati direttamente a fini produttivi da parte della società stessa, ma concessi in locazione. L’Agenzia non pone quindi alcun vincolo soggettivo od oggettivo al riconoscimento del bonus, dal momento che, come si legge nello stesso documento, la finalità degli interventi di adeguamento antisismico è “volta alla tutela delle persone che in tali immobili operano e vivono”.

Leggi tuttoLe detrazioni del sismabonus sono valide anche per gli immobili da affittare.
by Chiara Bianchi
on Marzo 14, 2018
Visite: 1314

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

I parlamentari neoeletti alla ricerca di un alloggio in affitto nel centro di Roma.

È il caso di dirlo, non esistono più i politici di una volta. E stavolta non parliamo del carisma, o dell’integrità morale, o delle capacità richieste a chi si candida per quel ruolo, ma della disponibilità di spesa quando si tratta di cercare un alloggio vicino al Parlamento. Se ai tempi delle vacche grasse si potevano superare tranquillamente anche i 2.000 euro di affitto mensili, oggi i budget sono un po’ più contenuti.

Leggi tuttoPolitici in affitto: i nuovi eletti alla ricerca di una casa a Roma, ma con budget ridotti.
by Chiara Bianchi
on Marzo 02, 2018
Visite: 2729

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Le caratteristiche principali dell’immobile più frequentemente affittato nel 2017.

Bilocale, in condominio, arredato e con balcone: queste le caratteristiche degli immobili più frequentemente affittati nel 2017. Secondo l’analisi condotta da Solo Affitti, network specializzato nelle locazioni in Italia, il bilocale è infatti la tipologia di appartamento più affittata (43,7%, in media a un canone mensile di 514 euro), seguito dal trilocale (30,7% e 635 euro al mese) e dal quadrilocale (11,9% e 770 euro mensili). Il monolocale (420 euro in media al mese) è scelto nel 9,6% dei casi, mentre sono rari gli immobili affittati con oltre 4 stanze (4,1%).

Leggi tuttoBilocale e arredata: ecco l’identikit della casa più affittata nel 2017.
by Chiara Bianchi
on Gennaio 24, 2018
Visite: 7225

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Gli affitti brevi entrano nel 730/2018.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato nei giorni scorsi il modello di dichiarazione dei redditi 730/2018 con le istruzioni per la compilazione, e come ogni anno non mancano le novità. Tra queste la più chiacchierata è la cosiddetta tassa Airbnb, ovvero la tassa sugli affitti brevi, introdotta dal 1 giugno 2017.

Leggi tuttoAffitti brevi e spese per la casa da portare in detrazione: cosa cambia nel 730/2018.
by Chiara Bianchi
on Gennaio 17, 2018
Visite: 1964

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nuove condizioni per usufruire della detrazione per gli affitti a studenti fuori sede.

Gli studenti universitari fuori sede cominciano l’anno con una bella novità. La Legge di Bilancio per il 2018 ha infatti modificato le condizioni per ottenere la detrazione del 19% per i canoni dell’appartamento preso in affitto per motivo di studio.  

Leggi tuttoAffitti a studenti fuori sede, estesa la platea per le detrazioni 2018.
by Chiara Bianchi
on Gennaio 12, 2018
Visite: 7757

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Prorogata la cedolare secca al 10% per il biennio 2018-2019.

La tanto attesa proroga della cedolare secca al 10% per gli affitti abitativi è finalmente arrivata. L’art. 1, comma 16 della Legge di Bilancio 2018, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.302 del 29/12/2017 - Suppl. Ordinario n. 62 - della Legge n. 205/2017 conferma l’aliquota agevolata per le locazioni a canone concordato per il biennio 2018-2019. Fino al 31 dicembre 2019 i proprietari di immobili ad uso abitativo situati nei comuni ad alta densità abitativa o nei comuni dichiarati in stato di emergenza nei 5 anni precedenti il 28 maggio 2014 potranno quindi usufruire della cedolare ridotta in caso di stipula di contratto a canone concordato.

Leggi tuttoCedolare secca confermata al 10% fino al 2019.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto