Cerca

A giugno 2017 arriva la cedolare secca anche per gli affitti brevi.

by Chiara Bianchi
on Aprile 28, 2017
Visite: 8231

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Novità fiscale affitti brevi: arriva la cedolare secca

Affitti brevi e nuova tassazione: si potrà optare per la cedolare secca al 21%.

È ufficiale: dopo tante anticipazioni è diventata legge la norma che detta un nuovo regime fiscale per gli affitti brevi. A partire dal 1 giugno 2017 ai proprietari che dichiarano un reddito proveniente da questa particolare tipologia di locazione verrà data la possibilità di optare per la cedolare secca al 21%, in genere più conveniente del regime Irpef la cui aliquota minima è, in questo caso, del 23%.

La novità fiscale è contenuta nell’articolo 4 del Dl 50/2017, pubblicato nel Supplemento Ordinario 20/L della Gazzetta Ufficiale n. 95 ed entrato in vigore lo scorso 24 aprile. La cosiddetta “manovrina” specifica inoltre che la cedolare secca diventa applicabile anche sui proventi lordi derivati da contratti di sublocazione e dai contratti a titolo oneroso conclusi dal comodatario con terzi per il godimento dell’immobile, sempre che siano rispettate le condizioni e i requisiti relativi agli affitti brevi. Ma quali sono queste condizioni?

Cosa sono gli affitti brevi.

 

L’articolo 4 del Dl specifica che per affitti brevi si intendono quei contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni, compresi quelli che prevedono servizi di fornitura biancheria e pulizia locali, stipulati da soggetti privati non nell’esercizio di attività d’impresa, “direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, anche attraverso la gestione di portali online”. In pratica nel caso in cui sia il proprietario ad affittare, esso deve provvedere al pagamento delle tasse esercitando l’opzione fiscale prescelta tramite dichiarazione dei redditi, mentre diverso è il discorso quando si inseriscono nell’attività soggetti terzi, ovvero le agenzie immobiliari o i portali.

Il ruolo degli agenti immobiliari e dei portali negli affitti brevi.

Gli intermediari che concludono un contratto di locazione inferiore ai 30 giorni tra un proprietario e un inquilino dovranno trasmettere i dati relativi ai contratti all’agenzia delle Entrate; pena per l’omissione o l’incompleta trasmissione dei dati è una sanzione dai 200 ai 2000 euro, che si riduce della metà se si provvede alla comunicazione entro i 15 giorni successivi alla scadenza o se, nello stesso termine, viene effettuata la corretta trasmissione dei dati precedentemente forniti in modo incompleto o erroneo.

Per assicurare il contrasto all’evasione fiscale inoltre, gli intermediari, agenti o portali che siano, dovranno trattenere una ritenuta d’acconto del 21% sui proventi dei canoni e corrispettivi, operando in qualità di sostituti d’imposta e versarli utilizzando il modello F24. Nel caso in cui il proprietario non abbia esercitato l’opzione per la cedolare secca, la ritenuta viene considerata corrisposta a titolo di acconto e potrà conteggiarla all’interno dell’ammontare Irpef dovuto per quell’anno. Compito degli intermediari sarà infine quello di inviare la Certificazione unica annuale con gli importi pagati al fisco a titolo di imposta o di acconto, come indicato nel Dlgs 322/98.

In ogni caso le modalità di trasmissione e conservazione dei dati e le disposizioni relative all’attuazione della norma contenuta nell'articolo 4 del Dl 50/2017 verranno definite in un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate atteso entro il prossimo 25 luglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Tempo di vacanze, tempo d’affitto.Il contratto turistico.
Cedolare secca sul reddito degli affitti turistici: applicabile o no?

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • pietro campanelli

    Buongiorno. Sono un intermediario e vorrei porre due questioni:
    1) se i pagamenti tra il villeggiante ed il proprietario passano direttamente al proprietario ed il sottoscritto riscuote solo la provvigione, è tenuto a trattenere e versare il 21% ? Oppure ne è esentato ?
    2) Il 21% va versato entro il giorno 16 del mese successivo dalla riscossione del canone da parte dell'intermediario dal villeggiante, od entro il giorno 16 del mese successivo dalla riscossione del canone da parte del locatore dall'intermediario ?
    Grazie

  • Gentile Pietro se lei non riscuote il canone per conto del proprietario non è tenuto a trattenere e quindi versare il 21%; se invece è lei a riscuotere il canone allora è lei che entro il 16 del mese successivo dovrà versare tale somma tramite f24.

  • Alessandro

    buon giorno, affittando da privato per due settimane da quello che ho capito:

    1) Non sono soggetto a registrazione contratto, vero?
    2) per optare per la cedolare secca, come posso fare da privato?
    3) se la locazione è già iniziata che tempi ho prima i essere sanzionato?


    Grazie

  • Buongiorno Alessandro, come priva dovrà registrare il contratto solo se di durata superiore a 30 giorni e optare per la cedolare secca in sede di dichiarazione dei redditi; quindi è sanzionabile solo nel momento in cui in occasione della prima dichiarazione dei redditi utili non ha denunciato il reddito.

  • stefano merli

    Gentimente mi può fornire un faxsimile di un contratto affitto breve sul quale posso applicare la cedolare secca e che cosa prevede esattamente oltre a servizi di fornitura biancheria e pulizia locali? grazie

  • Gentile Stefano, trova in rete o sui siti dove mette l'annuncio i fac simile sei contratti; di fatto il contratto uso turistico è completamente breve e non prevede la fornitura di servizi alberghieri.

  • Andrea C

    Buongiorno,
    vorrei sapere se con l'introduzione di questa norma è stata prevista la possibilità di poter "scaricare" le provvigioni dell'intermediario dai redditi di locazione breve.
    Faccio un esempio.
    Appartamento in affitto per una settimana a 500 euro, provvigione dell'intermediario 30%. La ritenuta d'acconto del 21% fatta dall'intermediario sarà su tutti i 500 euro o sarà applicata sul canone al netto della sua provvigione, cioè su 350 euro ?
    Se fosse applicata ai 500 euro ci sarebbe una doppia tassazione sulla provvigione, prima in capo al proprietario (che non percepisce nemmeno quella parte di reddito!) e poi in capo all'intermediario.
    Grazie

  • Buonasera Andrea, la tassazione riguarderà il canone percepito, al netto della provvigione.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Più tempo per pagare la tassa sugli affitti breviPiù tempo per pagare la tassa sugli affitti brevi
Gli agenti immobiliari guadagno un po’ di tempo per adeguarsi alla nuova normativa. Questa tassa sembra proprio non voler entrare in vigore!...
Affitti brevi: come si paga la tassa.Affitti brevi: come si paga la tassa.
Cedolare secca sulle locazioni brevi: pubblicato il codice. Gli affitti brevi continuano ad essere i protagonisti di questa estate: dopo aver parlato...
Nuova tassa sugli affitti brevi. Tutto pronto?Nuova tassa sugli affitti brevi. Tutto pronto?
Debutto ufficiale della tassa sulle locazioni turistiche. Con la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 95 del 24/04/2017) è entrato in...
Estate 2016: ecco le mete più amate dagli italiani in vacanza.Estate 2016: ecco le mete più amate dagli italiani in vacanza.
Le mete più gettonate per le vacanze degli italiani nell’estate 2016. Sono la Toscana (scelta dal 15,9% dei vacanzieri), l’Emilia-...
Contratto transitorio: veloce e ricercato. Una breve guida per conoscerlo meglio.Contratto transitorio: veloce e ricercato. Una breve guida per conoscerlo meglio.
Il contratto d’affitto transitorio, meglio noto come contratto breve, è oggetto di molte richieste di approfondimento che riceviamo...