Cerca

Bollette, come risparmiare con piccoli gesti

by Chiara Bianchi
on Aprile 17, 2013
Visite: 2023
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sbagliando, si paga. Anche e soprattutto quando si tratta di energia elettrica e gas, i cui rincari negli ultimi mesi hanno pesato sui bilanci familiari già disastrati dalla crisi e dal caro-vita. Ecco qualche piccolo accorgimento che possiamo adottare per risparmiare sulle bollette.


iStock 000016386062XSmallE' vero che, con il libero mercato, ognuno può aderire al piano tariffario che più fa al proprio caso, ma sono ancora pochi gli italiani che si mettono alla ricerca dell'offerta migliore o che hanno il coraggio di abbandonare la "sicura" tariffa base per un'altra di cui non conoscono tutte le clausole. Proviamo allora a dare qualche semplice suggerimento per risparmiare qualcosa, semplicemente abbandonando o correggendo gli atteggiamenti sbagliati.


In cucina: cuocere senza coperchio, ad esempio, ci costa 5€ in più sulla bolletta, mentre utilizzare la pentola a pressione invece di una tradizionale consentirebbe di risparmiare 8€. Staccando il frigorifero dal muro di qualche centimetro si economizza fina a 23€ l'anno, senza dimenticarsi di chiudere bene gli sportelli altrimenti ne sprechiamo altrettanti. Usare un piano cottura elettrico invece che uno a gas ci costa 19€, e asciugare i piatti con il programma della lavastoviglie invece che naturalmente 18€, mentre scaldare il latte o fare il tè sul gas invece che nel microonde equivale a 16€ in più. Il microonde è infatti uno dei maggiori alleati del risparmio: scongelando o riscaldando i cibi con questo elettrodomestico e non nel forno tradizionale, ad esempio, si arrivano a risparmiare 33€.


In bagno: lasciare scorrere l'acqua calda a vuoto mentre ci si fa la barba o ci si lava i denti costa 36€ in più a bolletta. Lo scaldabagno elettrico, rispetto a quello a gas, fa spendere 176€ in più ogni anno.


In casa: rinfrescare l'ambiente col condizionatore invece che deumidificare accresce la bolletta di 85€. Per quanto riguarda il riscaldamento, bisogna evitare di tenerlo programmato a 20°/21°: lasciare la temperatura costante a un grado in meno fa risparmiare 120€ all'anno, mentre spegnerlo del tutto se si va via in vacanza o per il week-end, consente di tenersi in tasca una decina di euro. Ma Il risparmio parte anche dai piccoli gesti, che sommati possono rappresentare una bella somma a fine anno. Come eliminare lo stand by degli elettrodomestici, che costa 56€; spegnere le luci nelle stanze quando si esce, 30€; usare per l'albero di Natale luci a LED invece che ad incandescenza, 4€; staccare il caricatore del cellulare dalla presa una volta che il telefono ha raggiunto la carica, 1,5€.


Insomma, cambiare alcune piccole abitudini ci consentirebbe risparmi notevoli, senza bisogno di rinunciare alle comodità.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto