Cerca

Col reddito di cittadinanza si può pagare l’affitto di casa?

by Chiara Bianchi
on Ottobre 04, 2018
Visite: 48006

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Reddito di cittadinanza per pagare le spese di affitto

Nel 2019 arriva il reddito di cittadinanza: i canoni di locazione sono compresi tra i beni di prima necessità?

Tra le spese per cui si potranno utilizzare i 780 euro mensili del reddito di cittadinanza sono compresi anche i canoni d’affitto. Lo hanno chiarito il Ministro del Lavoro di Maio e la Viceministra all'Economia Laura Castelli in alcune dichiarazioni pubbliche. Le spese dovranno essere esclusivamente relative a beni di prima necessità, come alimenti, medicinali e, appunto, l’affitto dell’abitazione.

Il reddito di cittadinanza potrebbe quindi diventare una realtà, dopo l’approvazione della nota d’aggiornamento del Def che ha cominciato così l’iter parlamentare. Il reddito sarà erogato sotto forma di carta acquisti caricata sulla tessera bancomat dei beneficiari, che potranno spenderlo per l’acquisto dei beni, senza che avvenga uno scambio in denaro. Per quanto riguarda invece i pagamenti, come quello relativo alle bollette o ai canoni d’affitto che prevedono spesso il versamento tramite bonifico bancario, si ipotizza la predisposizione di apposite app.

Gli assegni dovrebbero essere erogati a partire da marzo-aprile del 2019; potranno beneficiarne coloro che vivono sotto la soglia di povertà, oggi circa sei milioni e mezzo di persone in Italia. I requisiti definitivi sono tuttavia ancora da definire; secondo le prime ipotesi, i richiedenti devono essere cittadini maggiorenni che non superano il reddito annuale di 8 mila euro, non proprietari di immobili, e coloro che hanno la cittadinanza italiana da almeno 10 anni.

Detrazioni casa a rischio: le altre novità della Finanziaria 2019.

 

Per finanziare il reddito di cittadinanza e le altre misure promesse come la Flat Tax e la revisione della Legge Fornero, nonché per limitare il deficit pubblico, il Governo sta ragionando sulla possibilità di ridurre le detrazioni fiscali per il 2019, comprese quelle per la casa.

Al momento siamo ancora alla fase delle ipotesi, ma da più parti si parla di tagli e limatura delle proroghe.

A farne le spese in primis la detrazione sugli interessi passivi sul mutuo dell’abitazione, oggi detraibili al 19% fino a un limite di 4 mila euro all’anno di interessi. L’agevolazione riguarda chi acquista un immobile da adibire ad abitazione principale, una platea di quasi 4 milioni di contribuenti, secondo i dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze contenuti nel rapporto sulle spese fiscali 2017. Il bonus potrebbe scendere fino al 17%, con un risparmio di quasi un miliardo, ma potrebbe essere anche eliminato del tutto.  

Non si sa nulla del bonus verde, entrato in vigore appena da un anno, che consiste nella detrazione Irpef del 36% per le spese di sistemazione del verde e di recupero del verde storico.

Sembrano salve le detrazioni fiscali per i lavori in casa, quindi il bonus ristrutturazioni, il bonus mobili e l’ecobonus. A differenza dei precedenti rinnovi, che avevano cadenza annuale, i tecnici del Governo stanno pensando a un orizzonte temporale più ampio, con una scadenza degli incentivi fissata al 2021 ma inserendo una rimodulazione delle percentuali con un meccanismo a scalare, che parta dal 65% per diminuire poi di pochi punti percentuali: le attuali ipotesi sono di una riduzione dal 65 al 63 e infine al 60%.    

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Bonus casa: come cambiano le detrazioni fiscali nel 2018.

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (430)

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, io ho fatto la richiesta in posta per il rdc dove poi mi e stata accolta e ora percepisco il rdc, dove in posta non mi e stato chiesto nessun foglio e nemmeno il contratto di affitto ora io vorrei pagare l'affitto tutto in posta posso comunque?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Sara, sembra che la nuova indicazione sia quella di dover necessariamente allegare il contratto di affitto.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno ad aprile la mia domanda rdc è stata accolta. premetto che sono studente fuorisede e nella domanda non ho richiesti i 280€ per l'affitto. a esito positivo il mio caf mi ha detto che comunque potevo pagare l'affitto della mia stanza della quale dispongo un regolare contratto da studente. Sin'ora non ho avuto problemi e il bonifico è sempre andato a buon fine. Da una settimana il bonifico risulta non eseguibile...

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Luciana, da quanto ci è stato comunicato anche da altri lettori sembra ci sia una circolare interna inviata dall'inps che ha bloccato i bonifici sull'affitto, per accertamenti di situazioni irregolari che sembrano siano state rilevate.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, da una settimana il bonifico per l'affitto è bloccato anche se la carta funziona regolarmente per gli altri acquisti. Mi hanno detto in posta che è arrivata una circolare che ha bloccato i pagamenti giroposta a causa di false dichiarazioni sul contratto d'affitto. Poiché io sono in regola saprebbe darmi qualche informazione in merito? Un consiglio su come dimostrare la mia regolarità? Ps. Il caf è in ferie! La ringrazio molto

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Gabriele, mi spiace ma non riusciamo ad aiutarla. Non conosciamo questa circolare, evidentemente si tratta di una disposizione interna alla posta; provi a chiedere direttamente a loro delucidazioni e modalità per dimostrare l'esattezza dei dati dichiarati.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve, stamattina sono andata in una posta per pagare l'affitto a nome di mia madre (il contratto è a nome suo, ma anch'io sono un membro) come sto facendo da 3 mesi, non in una abituale però, mi hanno fatto problemi per pagarla con la carta intestata a lei, pur essendo membro del nucleo familiare. L'operatrice non ha volito senire ragione, dicendomi che SOLO mia madre doveva venire a fare il bonifico, se insistevo chiamava i colleghi per una denuncia, come se l'avessi rubata a mia madre per pagare il nostro affitto!! Mentre nella posta sotto casa mia, mai hanno fatto problemi del genere. Gli do il mio documento e mi approvacano il bonifico. Non so come sia esattamente la norma in merito, ho provato a cercare online i requisiti e le norme varie e ho letto che i membri della famiglia possono utilizzare la carta per effettuare pagamenti, bollettini e bonifico. Potrei avere qualche chiarimento per favore, in modo da sapere per le prossime volte cosa fare?? Vi ringrazio

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Agata, in effetti non sembra sia specificato nulla in merito, ma evidentemente nell'ufficio postale scelto si sono dati delle regole restrittive per evitare truffe di ogni genere. Magari può chiedere al caf che ha seguito la sua pratica se ci sono indicazioni precise su questo punto.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera, volevo chiedere qualche informazione ... Siccome la mia padrona di casa vuole i soldi entro il 7, ma quando lavoravo e quando ero in disoccupazione i soldi arrivavano dal 12 al 15, dopo innumerevoli discussioni abbiamo deciso che avrebbe provveduto mio papà con il bonifico continuo dal suo conto alla signora, e poi io restituivo i soldi a mio papà una volta che arrivava lo stipendio o la rata di disoccupazione... andiamo avanti così da anni... Ora ho fatto richiesta del reddito di cittadinanza, ma la padrona di casa vuole che rimanga il conto di mio papà disponibile per l'affitto e non vuole che ci siano cambiamenti, per essere più sicura che non ci siano più ritardi nel pagamento ... La mia domanda è questa.. posso fare il bonifico degli stessi soldi della rata dell'affitto, sulla mia Postepay Evolution, in maniera da ritirare i soldi da consegnare a mio papà...?! un'altra domanda... nella casa in affitto dove abito da sola, le bollette sono ancora intestate a mio nonno (che non c'è più, ma abitava lì e io ho preso il suo posto), posso pagarle anche se non sono a nome mio con la carta reddito di cittadinanza?! Un'ultima domanda ... è consentito usare la tessera oltre che per fare la spesa, anche per prendere la pappa degli animali al negozio apposito... Grazie mille a chi mi può rispondere e mi può chiarire un po' le idee..

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Marika, provo a risponderle rispetto alle questioni dell'affitto: può pagare direttamente alla proprietaria , come spesa è ammessa questa non il giro sul conto corrente di suo padre. Anche per le bollette sarebbe meglio e corretto fare la voltura e a questo punto pagarle col suo reddito di cittadinanza. In generale le spese da sostenere con questi soldi sono spese strettamente necessarie, non so se quelle per l'acquisto di cibo per animali possano essere ritenute tali.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Ho ricevuto la carta ieri,ma in due uffici postali diversi non sono riusciti a effettuare il bonifico di 625,00 non riescono a capire il perché,mentre per le bollette non ci sono stati problemi. Posso pagare la cifra intera e perché non mi fa pagare se ci sono i soldi sulla carta?

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Michela, purtroppo non possiamo aiutarla con questo problema specifico. Provi a chiedere supporto magari del caf che ha seguito l'iter.

This comment was minimized by the moderator on the site

Devo cambiare casa posso pagare con la carta rdc l'agenzia immobiliare e stipulare un nuovo contratto?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Thomas, come spesa necessaria e giustificabile potrebbe rientrare; chieda conferma al caf che ha seguito la pratica.

This comment was minimized by the moderator on the site

Posso pagare l'affitto con la carta di reddito di cittadinanza se il contratto è intestato alla mia compagna

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Luigi, se abita lì e quindi ha la sua residenza sì; potrebbe rientrare come spesa giustificata.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve Vorrei sapere io ho aggiornato Rdc-com esteso e ovviamente ho anticipato di tasca io l’affitto mi e stato dato il 15 di luglio il mese di giugno cosa succede se i soldi della canone di locazione di 280 euro Non li verso per l’affitto Visto che lo già pagato ?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Patrizia, potrebbe tenerli per pagare la mensilità successiva.

Ultima modifica commento su 4 settimane fa da Isabella Tulipano Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve a dicembre affitto una casa e a gennaio faccio isee nuovo sarà già approvato i 280 euro x affitto o devo aspettare mesi

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Patrizia, non conosco i termini di accoglienza delle domande, provi a chiedere al Caf che seguirà la pratica.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno due mesi fa feci la domanda del reddito cittadinanza ed è stata accolta e tutto , però un mese fa è successo che mi sono lasciata con il mio ex sono andata al caf per dichiarare tutto mi ha rifatto isee pero inps mi ha bloccato la scheda devo rifare la domanda del isee nuovo ,, adesso il contratto di casa c’è la il mio ex intestato quando farò la domanda posso pagare con la carta l’affitto di casa ?che è intestato a lui il contratto ? Grazie in anticipo R

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Maria se il contratto non è intestato a lei non potranno presentare richiesta per l'affitto, soprattutto se non abiterà più in quella casa; oppure se lei rimane dovrà fare in modo che l'intestazione del contratto sia a suo nome.

Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi