Cerca

Avvisi di liquidazione relativi al contratto di affitto: come tutelarsi.

by Chiara Bianchi
on Luglio 20, 2018
Visite: 615

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Civis riesama gli avvisi di liquidazione per gli affitti

Un nuovo servizio telematico permette di richiedere assistenza per gli avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione.

Da oggi contribuenti e intermediari possono chiedere via web di riesaminare gli avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione nel caso in cui si ritenga vi sia un errore. Si chiama Istanze Autotutela Locazioni il servizio attivo dal 18 luglio che ha arricchito la piattaforma Civis con cui i cittadini possono fare richiesta all’Agenzia delle Entrate per ricevere assistenza e correggere le comunicazioni di irregolarità, gli avvisi telematici e le cartelle di pagamento, e per sanare le eventuali anomalie o segnalare le motivazioni per cui si ritiene non dovuto il pagamento di un’imposta.    
Per accedere al servizio Civis Autotutela occorre essere abilitati ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, Fisconline o Entratel per i professionisti, e selezionare il link ”Istanze di autotutela locazioni”. Una volta inviata la richiesta, si può consultare online lo stato della lavorazione ed essere avvisati della conclusione della lavorazione via sms o email. A seguito dell’annullamento parziale dell’avviso, inoltre, è possibile stampare l’F24 precompilato contenente gli importi rideterminati a seguito della lavorazione effettuata dall’ufficio di competenza.

Si può inviare la richiesta di revisione solo rispettando alcune condizioni, ovvero:
- l’avviso non deve risultare annullato;
- non sia presente un’istanza di autotutela accolta;
- l’avviso di liquidazione deve riferirsi agli ultimi 5 anni.

Per quali avvisi di liquidazione relativi ai contratti di locazione è possibile chiedere il riesame?

 

Di seguito le motivazioni per cui è possibile presentare istanza telematica ricorrendo a Civis al fine di sanare irregolarità sul contratto di affitto:
- l’avvenuto pagamento dell’imposta di registro;
- la risoluzione anticipata del contratto (compreso il caso di ordinanza di convalida di sfratto o di finita locazione);
- il contratto è in cedolare secca;
- il contratto è stato ceduto (compreso il caso di subentro);
- il contratto è stato modificato con riduzione del canone di locazione;
- l’imposta è stata pagata per l’intero periodo al momento della registrazione.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea come Civis Istanze di Autotutela Locazioni sia il primo servizio di assistenza tramite web che concerne gli atti relativi all’imposta di registro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Imposta di registro: va pagata sempre l’intera annualità anche se nel frattempo è stata inviata una disdetta?
In vigore nuove sanzioni per tardiva registrazione, adempimenti successivi e risoluzione dei contratti in cedolare secca.

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto