Cerca

Imu prima casa, la seconda rata s'ha da pagare?

by Chiara Bianchi
on Novembre 06, 2013
Visite: 1997

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Quando si parla di Imu sembra proprio il caso di dire "L'erba cattiva non muore mai": arrivati ormai a due mesi dalla fine dell'anno, non sappiamo ancora se dovremo pagare o meno il saldo dell'imposta. Sì, perchè sul tavolo del ministro dell'Economia e delle Finanze è ricomparso il dossier sulla seconda rata Imu, in scadenza il 16 dicembre.


iStock 000012229361SmallNonostante tutte le conferme sull'impegno del governo a non farla pagare, il ministro dell'Economia e delle Finanze Saccomanni ha ammesso: "Non sarà facile evitare la seconda rata dell'Imu". Il problema è sempre quello, la copertura. Ma se si decidesse di farla pagare, nei Comuni che stabilissero un aumento delle aliquote rispetto al 2012 (hanno tempo per farlo fino al 30 novembre), per pagare la seconda rata 2013 i contribuenti dovrebbero sborsare più di quanto versato nell'intero 2012, dal momento che il saldo si calcola sul totale dovuto per l'anno detraendo l'importo dovuto per la prima rata, che quest'anno non è stata pagata.


Intanto il Ministero ha elaborato i dati provenienti dalle Entrate, rilevando che nei primi nove mesi dell'anno il gettito Imu dei Comuni, nonostante la cancellazione della prima rata sull'abitazione, è aumentato del 32,5% rispetto al 2012, con un incasso pari a 7,65 miliardi di euro, una maggiorazione dovuta anche agli aumenti delle aliquote deliberati dai Comuni, e dalle modifiche normative intervenute nella disciplina dell'imposta. L'acconto nel 2012 fu infatti pagato con le aliquote di base, mentre la legge di Stabilità per il 2013 ha dato ai Comuni la possibilità di aumentare fino a 0,3% l'aliquota standard dello 0,76% per gli immobili a uso produttivo classificati nel gruppo catastale D. Nel periodo gennaio-settembre 2013 il gettito Imu riservato ai Comuni è stato di 7.649 milioni di euro (+1.875 milioni di euro, pari a +32,5%), mentre la quota Imu destinata all'Erario è stata pari a 202 milioni di euro, ai quali si devono aggiungere 1.866 milioni di euro di Imu riservata all'erario derivante dagli immobili ad uso produttivo.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto