Cerca

Nel 2017 i contratti di affitto escono dal 730.

by Chiara Bianchi
on Maggio 27, 2016
Visite: 7035

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Contratto affitto non obbligatorio nel 730

Cade l’obbligo di indicare in dichiarazione dei redditi i contratti di affitto.

È in arrivo il decreto che corregge la delega fiscale sulle semplificazioni, al vaglio del consiglio dei Ministri la prossima settimana. Fra le novità anche una misura che alleggerisce gli oneri dei proprietari di immobili in affitto: non sarà più necessario indicare ogni anno in dichiarazione dei redditi i contratti di locazione che sono stati già registrati.


A partire dal 2017, dunque, sarà necessario indicarli nel 730 solo in caso di modifiche. Anche i proprietari di case all’estero potranno, allo stesso modo, evitare di comunicare in dichiarazione dei redditi l’immobile, a meno che la loro situazione non sia cambiata rispetto all’anno precedente.

Oltre alla misura di semplificazione per i proprietari di immobili locati sono diverse le novità fiscali introdotte dal correttivo: la chiusura delle partite iva inattive, la moratoria estiva per gli adempimenti fiscali, il taglio alle comunicazioni al Fisco per imprese e professionisti, la liquidazione più rapida del 2 per mille alle associazioni culturali e del 5 per mille allo Stato o a un ente religioso. In questa sede ci occuperemo però solo di un’altra novità, che riguarda il modello F24.

F24 telematico addio, si torna alla carta.

Altra misura che interessa in qualche modo il settore immobiliare è quella che prevede dal 2017 il ritorno dell’F24 cartaceo per importi superiori ai mille euro. Tutti coloro che non hanno dimestichezza con la tecnologia potranno così avere un’alternativa al modello elettronico, eccezion fatta per i titolari di partite iva per i quali rimarrà l’obbligo di utilizzare l’F24 telematico.

Ricordiamo che l’F24 è il modello da utilizzare per il pagamento della grande maggioranza delle imposte e delle tasse: è quello che si utilizza per il versamento di Imu e Tasi, dell’imposta di registro e di bollo connesse alla registrazione di un contratto di affitto, alla cessione o altri adempimenti successivi nonché per il versamento delle sanzioni e relativi interessi connessi a procedure di ravvedimento operoso.

Il modello F24 Elide è stato introdotto in sostituzione del modello F23, e si può scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione Strumenti- Modelli, oltre a essere reperibile presso gli sportelli delle banche e delle poste.

Il decreto sulle semplificazioni fiscali.

Il correttivo in arrivo si riferisce al decreto delega fiscale sulla semplificazione degli adempimenti tributari approvato in via definitiva il 30 ottobre 2014, in attuazione alla legge n. 23 dell’11 marzo 2014 che aveva introdotto, fra le altre cose, il nuovo modello 730 precompilato. Il Governo ha però tempi molto brevi per varare il provvedimento di modifica, dato che il termine ultimo per non decadere dalla delega è fissato al prossimo 12 giugno; dopo questa data ci saranno 18 mesi a disposizione dei legislatori per adottare uno o più decreti correttivi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Affitti, nella dichiarazione precompilata i canoni sono già inclusi.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto