Cerca

Obbligo di installazione delle valvole termostatiche: chi paga se l'appartamento è in affitto?

by Chiara Bianchi
on Marzo 31, 2016
Visite: 57425

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Obbligo installazione valcole termostatiche

Entro il 31 dicembre 2016 è previsto l’obbligo di installare le valvole termostatiche con i contabilizzatori di calore in tutti gli immobili facenti parte di condomini con riscaldamento centralizzato, esclusi quindi quelli con impianto autonomo. Obiettivo: contenere la spesa energetica delle nostre abitazioni. Ma se la casa è affittata, tale spesa rientra fra gli oneri spettanti al conduttore o al locatore?


Le valvole termostatiche sono meccanismi di termoregolazione che permettono una diversa – e automatica - regolazione delle temperature per ogni stanza dell’appartamento: ogni volta che ci sarà del calore in eccesso rispetto alla temperatura impostata sulla testa della valvola, essa ne richiederà meno al radiatore, consentendo così il risparmio energetico che si tradurrà, in seconda istanza, anche in un risparmio economico. E’ necessario installare le valvole su tutti i termosifoni presenti in casa: trattandosi di un circuito chiuso, infatti, ogni componente dell’impianto di riscaldamento influisce sul comportamento dell’altro. L’obbligo di installazione si estende anche ai contabilizzatori, o ripartitori di calore, che quantificano il calore effettivamente consumato. L’obiettivo è quello di adeguarsi alla direttiva europea 2012/27/Ue che prevede di diminuire del 20% le emissioni di anidride carbonica, incrementando al contempo del 20% le fonti rinnovabili di energia. In un condominio, dopo un primo investimento iniziale, la prospettiva è quella di ottenere un risparmio medio annuale tra il 10% e il 30% del totale del combustibile utilizzato.

Ma quando l’appartamento è in affitto, l’onere della spesa spetta al proprietario o all’inquilino? Trattandosi di adeguamento dell’impianto di riscaldamento alle leggi e ai regolamenti in materia di contenimento dei consumi, la spesa ricade sul proprietario, come indicato nelle tabelle di ripartizione degli oneri accessori approvate dalle principali organizzazioni sindacali di categoria. Per quanto riguarda la ripartizione delle spese condominiali, esse andranno riviste in assemblea: le spese di riscaldamento vanno infatti ripartite tra le unità immobiliari in proporzione alle letture dei contatori di calore. Solo una parte minima della spesa viene suddivisa secondo i millesimi, compensando i costi comuni e le dispersioni di calore dell’impianto di riscaldamento.

I condomini che non si adegueranno alla legge entro il 2017 saranno soggetti a sanzioni amministrative comprese tra i 500 e i 2500 euro, a seconda delle disposizioni adottate dalle singole Regioni. In realtà il tempo a disposizione per effettuare l'adeguamento è ridotto rispetto a tale scadenza: infatti, per non causare disagi alle famiglie, l'installazione delle valvole termostatiche dovrebbe avvenire a impianti spenti, quindi tra aprile e ottobre. Ma quanto costerà l’adeguamento? Secondo una simulazione effettuata dal Sole 24 Ore, per un appartamento di 80 mq dotato di 6 caloriferi si sborseranno 1.055 euro di spesa per installare le valvole termostatiche, con un costo medio per radiatore di circa 120 euro, compresi i costi per adeguare le pompe di circolazione dell'impianto condominiale da portata fissa a variabile. Importo che sfrutta già il maxi sconto fiscale del 65%, valido fino al prossimo 31 dicembre.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (175)

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno,
Vivo in un appartamento in affitto. Il riscaldamento è centralizzato e quando c’è stato l’adeguamento con le termovalvole tra me il proprietario e l’amministratore si so aperte le ostilità perché ho avanzo il mio diniego a pagare la messa in regola. Secondo loro le spese erano a mio carico e dopo svariate minacce ho sborsato 800€. Questo perché ero stufo e uscendo da un problema familiare non ne volevo altri. Ma ad oggi ci sono stati due blocchi seri della caldaia e anche lì hanno messo fuori le spese a mio carico. Ora ho scoperto che mi sono state appioppate spese condominiali per due persone quando qui ci vivo da solo da sempre. Sto pensando di mettere in mano il tutto ad un avvocato. Nel contratto le spese condominiali comprendono acqua e riscaldamento...e ho dei seri dubbi sulla correttezza dei conteggi a questo punto.

Gigi
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Gigi, sicuramente fa bene a verificare l'esattezza delle spese chele vengono richieste; se ci sono stati blocchi alla caldaia da computarsi come spese straordinarie deve pagare il proprietario e non lei.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Sono in affitto e il mio padrone di casa non ha istallato le termovalvole dicendo che ci sono i circuiti e siamo esenti per legge... E vero? Se no cosa posso fare io? Stessa situazione è in tutto il palazzo e il padrone è sempre lostesso.
Grazie

Matteo
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Matteo, l'obbligo non sussiste in caso di impianto autonomo, ma all'interno di un condominio è difficile immaginare tanti impianti autonomi.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve volevo chiedere a chi spetterebbe la spesa di istallazione visto che ho comprato casa a dicembre 2019 e il vecchio propetario non aveva fatto mettere i contabilizzatori?
Sull'atto di vendita non è riportato questo problema ma allepoca la delibera è stata fatta dall'amministratore....ora il vecchio propetario mi ha detto di dividere la spesa ma io non sono daccordo perchè all'epoca doveva metterli come tutti i condomini giusto?

Marco
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Marco, diciamo che all'atto di acquisto doveva aver verificato che la situazione fosse in regola e che non ci fossero sospesi neanche dal punto di vista condominiale. Ora, se il vecchio proprietario è disposto a venirle incontro direi che potrebbe accettare il compromesso.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve io abito in un condominio di case di gestione ATC ( agenzia territoriale casa) da anni abbiamo il teleriscaldamento con un cronotermostato a parete che permette di spegnere o accendere i termo e gestire i gradi ma mi chiedevo se servivano anche a noi le termovalvole oppure no ?e se devo installarle a chi spetta la spesa?

Alessandro
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Alessandro, il sistema di cui parla dovrebbe essere già un sistema di contabilizzazione dei consumi; per cui deve verificare bene se nel contratto con il fornitore viene specificato qualcosa circa l'installazione delle valvole. Eventualmente la spesa compete ai proprietari.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Salve,
nel mio condominio (con riscaldamento centralizzato e termovalvole), esiste un'unità con termo-autonomo, già in precedenza distaccata, con cui abbiamo avuto vari problemi, e che "dovrebbe" pagare almeno le spese di manutenzione straordinaria e di messa a norma dell'impianto centrale....
Essendo l'installazione delle termovalvole una spesa straordinaria, tale unità avrebbe dovuto partecipare?
E, nel caso, sarebbe ancora possibile chiedere l'eventuale somma dovuta?
Oltre a tali spese, ho letto che esisterebbe anche una quota per il "calore involontario" sottratto al condominio di cui tale unità benifica (l'impianto condominiale la attraversa): in che modo si può calcolare tale quota senza esagerare? Vorremmo dare un giro di vite ai furbi del Condominio, e non sappiamo da dove iniziare... Grazie!

Susanna
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Susanna, dovreste rivolgervi all'amministratore di condominio per valutare la cifra di cui parla, cosa prevede il vostro regolamento in specifico e capire se ci sono deroghe particolare di cui questo condomino ha usufruito.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Grazie Isabella,
ma se pongo a lei tali domande è proprio perché il mio condominio è letteralmente disastrato!
Negli ultimi 3 anni ha cambiato 3 amministratori: il primo era un filibustiere, revocato perché abbiamo scoperto ammanchi - il secondo (con cui abbiamo installato le termovalvole) è scappato (sic) in Sudamerica abbandonando famiglia e lavoro, senza lasciare atti e documenti... la terza è appena entrata, si trova in ovvia difficoltà e sta facendo pasticci. Come vede, abbiamo la mano fortunata.
Quanto al regolamento: la prima bozza risale al 2005 e in 14 anni ancora non è stato approvato (c'è sempre qualcuno che aggiunge/ toglie o non concorda). Una Babele.
Ora ho preso in mano io le cose con gli altri consiglieri e sto cercando di capire le normative...

Susanna
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Susanna, grazie della fiducia. Per provare a mettere ordine dovrebbe intanto studiare qualcosa di specifico in materia di condominio; sull'argomento proposto le suggerisco un articolo de Il Sole 24 ore

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno essendo in affitto in un condomino di sole tre unità abitative volevo sapere a chi spetta la spesa per la contabilizzazione del riscaldamento annuale. Il proprietario dice che le spese devo sostenerle io volevo sapere quanto c'è di vero in questo se devo pagare io o il proprietario. Grazie

Stefano Tedesco
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Stefano, a carico dell'inquilino ci sono le spese di consumo e di manutenzione ordinaria, non altro.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Il proprietario dell'appartamento dove abito ha proceduto al montaggio delle valvole termoregolatrici, ma non vuole saperne di autorizzare la contabilizzazione condominiale dei consumi. Naturalmente le spese di riscaldamento dell'appartamento sono aumentate notevolmente.
Posso costringerlo ad adeguarsi? In che modo? A chi mi posso rivolgere per essere tutelata? Sono costretta a pagare?
Grazie, Cristina

Cristina
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Cristina, quando lei ha preso in affitto l'immobile le spese di riscaldamento erano condominiali o autonome? Nel primo caso avrebbe diritto a chiederlo, altrimenti dovrebbe continuare ad usufruire di quel tipo di riscaldamento.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Da sei mesi sono in affitto in una casa indipendente a Bracciano. Nel contratto la Locatrice ha dichiarato che tutti gli impianti erano norma ed in piena efficienza. Purtroppo l'impianto di riscaldamento si è rivelato non a norma, fatiscente e non funzionante. Dopo mesi di lotte, la Locatrice ha sostituito la caldaia con una a pellet, ma attendo ancora la certificazione tecnica per poter accendere l'impianto.

La Locatrice si rifiuta di sostituire le valvole dei termosifoni con valvole termostatiche come previsto dai Decreti Legislativi 102/2014 e 141/2016. Le valvole attuali sono vetuste, in alcuni casi assenti, e l'idraulico mi ha consigliato di non girarle perché potrebbero rompersi.

So che esiste una multa per la mancanza di sostituzione delle valvole. A chi mi devo rivolgere per richiedere una perizia e conseguente applicazione della multa?

L'impianto anteriore a gasolio include tuttora un serbatoio non dotato dell'apposito contenitore di protezione. Dal serbatoio è fuoriuscito negli anni parecchio gasolio, come si piuo vedere dall'odore dela terra circostanzte e dal forte odore che emana. Sotto la terra scorre la flada acquifera da cui la pompa estrae l'acqua per uso domestico (non potabile).

Ho letto che tale situazione configura il reato penale di "attentato alla salute pubblica", e vorrei sapere a quale autorità mi devo rivolgere per denunciare la situazione e promuovere un'azione di risanamento. L'ASL locale mi ha già fatto capire che a loro non interessa. Sono preoccupato per la salute della mia famiglia.



Grazie e saluti

Olivio
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Olivio, diciamo che dal punto di vista dell'affitto se le era stato indicato la regolarità degli impianti ora potrebbe chiedere o che venga sistemata la situazione o la disdetta immediata con richiesta di risarcimento; per eventuali denunce trova indicazioni a questo link http://www.ingegneri.info/news/impianti/guida-alla-denuncia-inail-ex-ispesl-per-limpianto-termico/

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera, il.mio condominio ha adeguato l'impianto secondo le nuove regole, la domanda in questione e' : e obbligatorio acquistare le valvole termostatiche fornite dall'installatore ? E possibile acquistarle separatamente ? O devono necessariamente essere quelle.che fornisce l'installatore ?
La ringrazio
Alessandro

Alessandro
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Alessandro, credo in effetti si al'installatore a montare le valvole e quindi sceglierle; eventualmente avendo già le valvole si potrebbe stipulare un diverso tipo di contratto.

Isabella Tulipano
This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno, sono affittuario di un appartamento da circa 5 anni. L'appartamento aveva già i conta calorie istallati al momento del mio ingresso.
Dal momento che a causa guasto devo ora sostituirne uno (non so se cambieranno la batteria o lo sostituiscono effettivamente) potreste dirmi a carico di chi sono le spese? Potrebbe, se possibile, indicarmi anche il riferimento normativo in materia?

Grazie

Giovanni

Giovanni
This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Giovanni, una semplice sostituzione della batteria si considera spesa ordinaria e quindi a suo carico, una sostituzione dell'intero apparecchio sarebbe a carico della proprietà . Per questo tipo di suddivisione può fare riferimento alla tabella che trova qui.

Isabella Tulipano
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi