Cerca

Occhio alla spesa: è partito il nuovo redditometro!

by Chiara Bianchi
on Gennaio 08, 2013
Visite: 2000

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Se il tormentone del 2012 è stato l'Imu, quello del 2013 non è ancora ben chiaro: si contendono il primato la nuova imposta sui rifiuti, la Tares, e il redditometro. A proposito di quest'ultimo, se ne sente parlare già da un po'. Ma di cosa si tratta esattamente?

 

agenziaentrateIl redditometro è uno strumento di accertamento sintetico introdotto già nel 2010. Unito allo Spesometro, partito nel 2011, la nuova versione (entrata in vigore il 1° gennaio 2013) dovrebbe consentire all'Agenzia delle Entrate di analizzare il differenziale tra redditi percepiti e spese sostenute, attraverso l'incrocio dei dati. Obiettivo dichiarato è ovviamente la lotta all'evasione fiscale: il tenore di vita diventa insomma il metro con cui misurare quanto guadagniamo realmente.


Lo strumento prende a riferimento cinque aree geografiche, undici tipi di nuclei familiari e cento voci di spesa divise in sette categorie, fra cui compaiono due voci che a noi interessano particolarmente: Abitazione e Investimenti Mobiliari/Immobiliari.


Il funzionamento è molto semplice.


Per spese superiori ai 3.000 euro con fattura o 3.600 euro senza fattura (quindi con scontrino fiscale o ricevuta fiscale), il venditore sarà tenuto a registrare il codice fiscale dell'acquirente e comunicare i dati dell'acquisto all'Agenzia delle Entrate. A questo punto l'importo pagato, la tipologia dell'acquisto e il codice fiscale dell'acquirente confluiranno nella banca dati che analizzerà tutte le spese relative a ciascun codice fiscale. Quindi per i contribuenti che hanno fatto spese al di sopra del tenore economico dichiarato, partirà l'accertamento fiscale sintetico.

 

Per quanto riguarda la casa si segnala una vistosa differenza tra il vecchio Redditometro e il nuovo. Il primo attribuiva, sia nel caso dell'acquisto con mutuo che nel caso della conduzione in locazione, un valore di reddito al contribuente pari a 30-40mila euro, a seconda della collocazione territoriale dell'immobile. Con il nuovo strumento, invece, il valore di reddito si aggira sui 16mila euro, e nel conto sono compresi anche arredamenti, forniture ed elettrodomestici. Il gap si spiega in questo modo: il nuovo strumento indaga spaziando sulle varie spese possibili, differenziandosi anche in base dell'esistenza di nuclei familiari più o meno numerosi, mentre il precedente coglieva, oltre al costo del mantenimento del bene, anche la propensione alla spesa che veniva associata al contribuente.

 

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione il redditest online: grazie a questo test potete sapere in anticipo qual è la vostra situazione di fronte al fisco.


Siete pronti alla prova?

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (1)

This comment was minimized by the moderator on the site

This is really fascinating, You are an excessively professional blogger.

I've joined your feed and look ahead to looking for more of your wonderful post. Additionally, I have shared your website in my social networks

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto