Cerca

Ravvedimento operoso, niente più limite temporale ma riduzioni progressive.

by Chiara Bianchi
on Marzo 30, 2015
Visite: 2340

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto nuove sanzioni a carico dei cittadini che commettono una violazione tributaria, come la registrazione tardiva del contratto di affitto, l'omesso pagamento di una tassa o il rilascio di dichiarazioni non corrette. In questi casi, il contribuente che volesse rimediare spontaneamente alle irregolarità può farlo beneficiando di uno sconto di pena, anche con una verifica fiscale in corso.

Ravvedimento operoso riduzione sanzioniChi commette un'irregolarità a livello tributario può correggere l'errore attraverso il ravvedimento operoso, una procedura che permette di rimediare al comportamento illecito beneficiando di una riduzione delle sanzioni e di agevolazioni dal punto di vista penale, tanto maggiori quanto prima decide spontaneamente di correggersi. La Legge di Stabilità per il 2015 ha modificato l'art. 13 del Decreto Legislativo 472/97 introducendo nuove sanzioni in caso di ravvedimento operoso, all'insegna della maggiore progressività delle multe, allungando i tempi entro i quali si può accedere al ravvedimento e diminuendo i casi di non praticabilità del ravvedimento stesso.

Ecco le principali novità introdotte dalla nuova disciplina rispetto alle precedenti disposizioni:

- Introduzione della riduzione a 1/9 della sanzione in caso di adempimento successivo avvenuto con un ritardo tra i 30 e i 90 gg.

- Introduzione della riduzione a 1/7 della sanzione in caso di registrazione o pagamento avvenuto con un ritardo superiore a un anno e inferiore a 2 anni.

- Introduzione della riduzione a 1/6 della sanzione in caso di registrazione o pagamento avvenuto con un ritardo superiore a 2 anni.

- Possibilità di accedere al ravvedimento (con riduzione a 1/5 della sanzione) anche qualora l'irregolarità sia stata già constatata (processo verbale di constatazione) e siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento. Il ravvedimento non sarà più percorribile solo qualora avvenga una notifica formale di un avviso di liquidazione o accertamento.

Il pagamento delle somme dovute all'amministrazione da parte del cittadino inadempiente può dunque avvenire in qualsiasi momento, anche con una verifica fiscale in corso o quando la violazione è stata già verbalizzata a seguito di ispezione; come già detto, viene premiata la tempestività del ravvedimento, essendo le riduzioni delle sanzioni direttamente proporzionali alla puntualità con cui il contribuente deciderà di rimediare. Il ravvedimento potrà avvenire attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa e il pagamento delle maggiori imposte dovute, gli interessi e le sanzioni ridotte in base al singolo caso. Ricordiamo che tali sanzioni sono entrate in vigore a partire dal 1 gennaio 2015. Alleghiamo una tabella riassuntiva delle nuove sanzioni con ravvedimento operoso.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto