Cerca

Reddito di Cittadinanza: i calcoli per chi vive in affitto o ha un mutuo.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 14, 2019
Visite: 3749

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Reddito di Cittadinanza, i calcoli per affitto e mutuo

I requisiti economici per accedere al Reddito di Cittadinanza.

Il decreto sul Reddito di Cittadinanza, pubblicato in Gazzetta Ufficiale a fine gennaio, spiega i dettagli sui requisiti, gli importi e le modalità per richiedere il beneficio. La presenza del canone di affitto o della rata del mutuo incidono sul calcolo mensile del RdC, insieme alla composizione del nucleo familiare e al reddito percepito.


Arriva il decreto attuativo che definisce requisiti, regole e tempistiche della misura assistenziale diventata ormai manifesto dell’attuale Governo. Il decreto n. 4 del 28 gennaio 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e chiamato “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”, spiega il funzionamento del tanto discusso contributo che ha come obiettivi l’erogazione di un beneficio economico a disoccupati e a persone sotto la soglia di povertà, oltre a quello di favorire le politiche per il lavoro e per l’incremento dell’occupazione.

Il decreto stabilisce innanzitutto i requisiti economici degli aventi diritto al beneficio fiscale, in loro possesso al momento della presentazione della domanda e per tutto il periodo di erogazione del beneficio, che dura 18 mesi:

Isee inferiore a 9.360 euro;

Patrimonio immobiliare inferiore a 30.000 euro (esclusa la prima casa). Tale limite è però innalzabile di 2.000 euro per ogni componente familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10.000 euro. Per ogni figlio successivo al primo sono previsti ulteriori 1.000 euro, mentre per persone con disabilità all’interno del nucleo familiare la soglia si alza di 5.000 euro;

Reddito familiare non superiore a 6.000 euro (9.360 euro per le famiglie che vivono in affitto).

Come si calcola il Reddito di Cittadinanza?

 

L’importo massimo riconosciuto sarà di 780 euro. Il calcolo si compone di due parti, che sommati insieme non possono superare i 9.360 euro annui (che corrispondono appunto a 780 euro mensili):

📌 integrazione al reddito familiare fino a 500 euro;

📌 contributo per l’alloggio, che è pari a zero se destinato a chi vive in una casa di proprietà, mentre per chi vive in affitto incrementa il beneficio di un ammontare annuo pari al canone di locazione fino ad un massimo di 3.360 euro, ossia 280 euro al mese. Se la famiglia versa invece la rata del mutuo, il rimborso mensile non può superare i 1.800 euro, ovvero 150 euro al mese.

L’integrazione del reddito varia in base al numero e all’età dei componenti della famiglia, che costituisce il parametro di scala di equivalenza, calcolato con la seguente formula (considerando che il primo componente è già incluso nel conto):

➡️ 1+ (0,4*N° maggiorenni) + (0,2*N° minorenni) ⬅️

Il calcolo si complica ulteriormente, a partire dalla determinazione del reddito familiare da non superare. Anche in questo caso ci aiuta una formula:

➡️ 6.000 euro * Parametro di scala di equivalenza ⬅️

Quindi occorre calcolare il reddito del nucleo familiare:

➡️ [ISEE – (trattamenti assistenziali inclusi nell’ISEE)] + trattamenti assistenziali in corso di godimento ⬅️

A questo punto è possibile calcolare l’importo mensile del reddito di cittadinanza:

➡️ (Soglia reddito familiare – reddito familiare) /12 ⬅️

Nella tabella qui sotto facciamo qualche esempio di calcolo a seconda della composizione del nucleo familiare, del reddito e delle eventuali spese per l’alloggio (affitto o mutuo):

Calcolo RdC

Come e quando fare domanda per il Reddito di Cittadinanza?

Il decreto chiarisce anche le tempistiche: a partire dal 6 fino al 31 marzo 2019 verrà messo a disposizione il modulo di domanda Inps, la cui presentazione va fatta online nel sito ufficiale www.redditodicittadinanza.gov.it, previa autenticazione tramite Spid, oppure tramite Poste Italiane o Caf convenzionati.

Dal 27 aprile partirà poi l’erogazione della somma spettante sulla Carta di Reddito di Cittadinanza. Il contributo accreditato va speso interamente nel mese di versamento, pena la decurtazione fino al 20% dell’importo. Sia l’affitto che il mutuo dovranno essere pagati con bonifico alle Poste direttamente da chi eroga il mutuo o al locatore, mentre i soldi residui saranno versati sulla Carta RdC.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Casa, affitti e immobiliare, cosa cambia nel 2019?
Col reddito di cittadinanza si può pagare l’affitto di casa?

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (23)

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno vorrei sapere come è dove posso pagare affitto con redito della cittadinanza.pago 370€ di affitto.vado alla posta?cosa mi serve?

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Lydia, può pagarlo anche tramite posta, deve verificare direttamente con l'agenzia di competenza.

This comment was minimized by the moderator on the site

[*]mio figlio, titolare del reddito di cittadinanza, abita in un appartamento di sua proprietà, il cui mutuo viene pagato da noi genitori. Come può integrare la rata ? A chi deve intestare il bonifico?Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Mariella, dovrebbe sentire con la banca se può esserci un'integrazione; se ha la residenza in quell'immobile dovrebbe essere regolare.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve.ho visto.la tabella dei calcoli in base al mio reddito zero e quello di mio figlio maggiorenne zero .nessun bene immobile .e ness auto intestata.solo una moto piu di due anni fa.ci è stato assegnato il rdc di 560€ .pago affitto al comune .risulta un cud di mio figlio del 2017 di un lavoretto stagionale (un mese in tt)con cud 800€ dopo due anni .mi è stato scalato 300€ .assurdo !dato che la cifra è misera ,oltre ad esser passati due anni.mentre qlc ha avuto 800€ con figlio minore a carico .nn paga affitto ne ha spese luce acqua. Ha un auto intestata.saluti

This comment was minimized by the moderator on the site

Mi spiace Katty, dovrebbe chiedere a chi ha seguito la pratica quali sono i criteri presi in considerazione. Purtroppo non c'è mai un modo certo per evitare che qualcuno approfitti senza averne diritto.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera,ho ottenuto il rdc con contributo affitto inferiore dei 280€, come contratto.posso ugualmente usare tutti i 280€ per saldare mese precedente? Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Gabry il contributo può essere usato per pagare l'affitto, eventualmente anche arretrato.

This comment was minimized by the moderator on the site

Al momento che mi sono separata. . Lasciai casa con mutuo cointestato con il mio ex marito il quale inazi al giudice avrebbe continuato al pagamento del mutuo e io rinunciavo al mantenimento di nostro figlio. . Dopo circa un anno seppi dalla banca. Che il mutuo era insolvenza. ..io intanto mi sono rifatta una nuova famiglia e con il mio compagno ho avuto un figlio e sono in affitto. ...il mio ex è ancora in quella casa senza pagare...finché la banca non decida di riprendersela. ..io per sua colpa perdo il mio diritto di reddito di cittadinanza nonostante siamo entrambi dissocupati con due minori. ..come è possibile grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Natalia, evidentemente il reddito totale attuale non le permette di accedere all'agevolazione. Provi a chiedere al caf i dettagli dei parametri.

This comment was minimized by the moderator on the site

Salve.
Per chi risiede in affitto la soglia da moltiplicare per scala di equivalenza è 6000 oppure 9360?
Ho 3figli e 2 adulti (5persone)
Somma redditi nucleo 13107€
Isee 2841
Affitto 370€ mese

This comment was minimized by the moderator on the site

Per chi ha riportato un canone di affitto nella dichiarazione ISEE, il valore base della soglia per l'accesso al RdC in effetti non è 6,000, ma 9,360, da moltiplicare per il valore della scala di equivalenza del RdC (nel suo caso 2,1 se almeno uno dei figli è maggiorenne, altrimenti 2). Il meccanismo farraginoso del RdC prevede però il calcolo separato di due componenti: per la "quota A", il suo "reddito familiare" viene confrontato con la soglia di 6.000 euro moltiplicata per la scala di equivalenza (nel suo caso, 12,600 o 12,000 euro). Se il reddito risulta inferiore, la quota A è positiva, ma se risulta superiore come nel suo caso, nell'applicazione che ne dà l'INPS di cui ho trovato un riscontro in rete, la quota A risulta negativa e va a ridurre la "quota B". La quota B altro non è che un massimo di 3.360 euro (stavolta non moltiplicati per la scala di equivalenza) da confrontare con il canone di affitto annuo: se questo è inferiore (o nullo), la quota B è pari a tale valore, se è superiore come nel suo caso la quota B è pari a 3.360. Riassumendo, secondo i miei calcoli di studioso basati sui dati schematici che ha comunicato, le spetterebbe un RdC, ma inferiore a 3.360 euro: vale però il consiglio che le è stato dato di rivolgersi a un operatore specializzato, anche perché i dati personali rilevanti ai fini del RdC sono molti.
PS La tabella pubblicata qui sopra è errata per tutte le righe in cui è presente un affitto. Innanzitutto perché come già detto il valore base della soglia per l'accesso al RdC non è 6,000, ma 9,360, ma anche perché il "reddito familiare" ai fini del RdC è al lordo dell'affitto pagato (non al netto come per l'ISEE), quindi un reddito di 4.500 e un affitto annuo di 6.000 non sono compatibili.

This comment was minimized by the moderator on the site

Gentile Luigi, le conviene rivolgersi ad un caf specializzato in materia per questo calcolo.

This comment was minimized by the moderator on the site

BUONGIORNO , VORREI UN SEMPLICE CHIARIMENTO SE POSSIBILE. IL REDDITO DA SOTTRARRE ALLA SOGLIA DI REDDITO PREVISTA E' IL VALORE ISEE ???? NON CAPISCO. SIAMO MARITO MOGLIE 2 FIGLI MAGGIORENNI E DUEMINORENNI. SOLO MIO MARITO LAVORA. IL VALORE ISEE E' DI EURO 9043,00. SOLO 3000 EURO DI RISPARMI IN BANCA E UN MUTUO MENSILE DI EURO 646. POTREBBE RISPONDERMI PER CORTESIA O SIMULARE UN CALCOLO ? GRAZIE MILLE

This comment was minimized by the moderator on the site

No, il reddito da sottrarre alla soglia è il "reddito familiare", cioè quel valore monetario che si ottiene sommando tutti i redditi percepiti dai componenti della famiglia, senza le detrazioni previste in sede di calcolo dell'ISEE (per esempio, in quella sede si sottrae il 20% al reddito da lavoro dipendente, fino a un massimo di 3,000 euro). Considerato (a) che il vostro ISEE (dove l'ultima E sta per "equivalente", cioè valore monetario diviso per la scala di equivalenza dell'ISEE) è intorno ai 9.000 euro, e (b) che il valore (monetario) della soglia è pari per il suo nucleo al valore massimo per una famiglia non in affitto, cioè 12,600 euro (6,000 * 2.1, che è il valore massimo della scala di equivalenza del RdC), è praticamente matematico che il valore (monetario) del "reddito familiare" che corrisponde al vostro ISEE eccede la soglia, pur rispettando l'altra soglia prevista ai fini del RdC per l'ISEE stesso (9,360 euro). Quest'ultima soglia è quasi sempre meno restrittiva di quella di "reddito familiare", particolarmente per le famiglie numerose che sono svantaggiate dalla scala di equivalenza del RdC, e ha tratto in inganno molti.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buonasera, grazie per la puntuale precisazione.

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Angela, non abbiamo competenze per un calcolo preciso. Deve verificare i conti con il suo Caf di riferimento. In questo articolo trova alcuni dettagli.

This comment was minimized by the moderator on the site

come posso pagare il mutuo?le poste mi dicono che non e' possibile nei loro uffici in quanto la carta non ha iban

Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Giampaolo, deve verificare a questo punto con la banca le modalità di utilizzo di una carta "postale".

This comment was minimized by the moderator on the site

Sul importo che si vede sul sito imps con il pin c è compreso pure l affitto? Poiché l importo è di 491 euro ma io pago affitto 300 euro ho una figlia di 4 anni non riconosciuta dal padre.... Non ho Nessun altra entrata nemmeno la rei ho un isee di 1700 euro com e possibile? L affitto come lo pago?

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Nadia, mi spiace ma non riusciamo ad aiutarla su questi aspetti. Deve rivolgersi al caf di zona per avere un supporto.

This comment was minimized by the moderator on the site

Dove bisogna sottoscrive la vice affitto nella presentazione del reddito di cittadinanza, ho letto trovo soltanto la voce mutuo.

Grazie

This comment was minimized by the moderator on the site

Buongiorno Lella, se ha bisogno di assistenza nella compilazione del modulo, deve contattare un caf.

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione
×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto