Cerca

Rinviata la scadenza per la presentazione della dichiarazione Imu

by Chiara Bianchi
on Novembre 05, 2012
Visite: 2085

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Salta la scadenza del 30 novembre per la dichiarazione Imu. La nuova data ancora da definire.

dichQuando si tratta di Imu, non si può mai stare tranquilli. Ci eravamo lasciati venerdì con il modello della dichiarazione finalmente pronto e scaricabile sul sito del Dipatimento delle Finanze www.finanze.gov.it. Scadenza per la presentazione: 30 novembre.

 

Oggi ci ritroviamo con una scadenza non meglio definita. Un emendamento del parlamentare Giuseppe Marinello al decreto legge sui costi della politica approvato in Commissione di Bilancio sabato scorso prevede infatti che la dichiarazione Imu debba essere presentata non già entro il 30 corrente mese, bensì entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto di approvazione del modello di dichiarazione IMU.

 

E il decreto, approvato il 31 ottobre scorso dal Ministro Grilli, non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

 

Nel frattempo che aspettiamo  di capire quale sia la scadenza giusta, facciamo un ripassino sulla dichiarazione Imu.

 

A cosa serve?

 

E' un documento che serve ad attestare le variazioni dello stato degli immobili. Deve essere consegnato ai Comuni presso cui sono ubicati gli immobili stessi, nell'anno successivo a quello in cui tali variazioni si siano eventualmente verificate.

 

Chi la deve presentare?

 

Sono tenuti a presentare la dichiarazione coloro che hanno cambiato la propria situazione immobiliare, ossia chi ha comprato, venduto, ereditato un immobile nel 2012.

L'obbligo di dichiarazione non sussiste per le abitazioni principali.

Deve essere presentata quando gli immobili godono di riduzioni dell'imposta (fabbricati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, fabbricati di interesse storico o artistico, immobili per i quali il Comune ha deliberato la riduzione dell'aliquota, i fabbricati destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, i terreni agricoli) e quando il Comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell'obbligo tributario.

La devono compilare anche i coniugi che risiedono in due distinte abitazioni. In questo caso la dichiarazione serve a specificare quale delle due gode delle riduzioni prima casa ed eventuali figli a carico. Inoltre, gli immobili posseduti dai soggetti Ires, chi ha acquistato un'area edificabile e i proprietari di case inagibili.

L’obbligo della dichiarazione sussiste anche per i proprietari di immobili locati, a causa del fatto che alcuni comuni differenziano le aliquote a seconda di abitazioni sfitte o affittate.

 

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Fai una domanda o lascia il tuo commento

Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto