Cerca

Tari, come e quando pagare la tassa sui rifiuti?

by Chiara Bianchi
on Giugno 09, 2014
Visite: 8685

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Negli ultimi tempi si è parlato e straparlato di Tasi, ma non ci dobbiamo (purtroppo) dimenticare che il 16 giugno, salvo diversa delibera del nostro Comune di residenza, ci aspetta anche la scadenza della Tari, la tassa sui rifiuti che prende il posto della Tares. Vediamo dunque in cosa consiste e quali sono i metodi di pagamento.


8a276d0048d814d4181c7b2018969ff6 XLFa parte dei tre pezzi che compongono la Iuc, l'Imposta unica comunale, insieme alla Tasi e all'Imu, e anche se non se ne parla tanto quanto le altre imposte sulla casa, la scadenza per il pagamento in alcuni Comuni è fissata fra appena una settimana. Stiamo parlando della Tari, l'imposta sui rifiuti che la Legge di Stabilità 2014 ha istituito per sostituire la Tares e la Tia.

 

 

Chi deve pagare: la Tari serve dunque a finanziare il servizio di raccolta e lo smaltimento dei rifiuti; presupposto per il pagamento della tassa è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, in base al principio che "chi inquina paga".  E' pertanto tenuto al pagamento colui il quale dispone dei locali o dell'area, a prescindere dal titolo che legittima l'occupazione (proprietà, locazione, uso, ecc.), e soltanto nel caso di occupazione precaria e temporale, come nel caso delle locazioni di breve durata ad esempio per uso turistico, l'imposta è dovuta dal proprietario. L'amministratore di condominio non ha obblighi né vincoli di solidarietà nei confronti dei condomini, che rimangono gli unici soggetti tenuti al versamento della tassa, in quanto occupanti. Vale invece il vincolo di solidarietà nei confronti degli appartenenti al nucleo familiare o di chiunque occupi aree e locali in comunione con gli altri coobbligati, come conviventi, soci ecc. Restano escluse dal pagamento le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all'articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva. Ad esempio è tassabile il giardino, ma non il posto macchina scoperto, cioè la parte di cortile condominiale utilizzata come parcheggio privato. Tale regola non vale per le aree utilizzate per attività economiche, come il cortile di una fabbrica, che sono invece sempre tassate.

 

Quanto si paga: ancora una volta è il Comune a determinare la tariffa, in base alla superficie e alla quantità di rifiuti prodotti o alla quantità e qualità di rifiuti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività e al costo del servizio sui rifiuti. L'amministrazione decide inoltre la disciplina delle eventuali riduzioni ed esenzioni, tenendo conto della capacità contributiva della famiglia anche grazie all'applicazione dell'Isee, dell'uso continuativo o meno dell'immobile, del caso di un unico occupante e dei residenti all'estero. C'è persino una buona notizia per tutti: non si dovrà più versare l'addizionale di 0,30 euro per ogni metro quadrato della propria abitazione o del proprio esercizio commerciale, poiché tale maggiorazione era legata alla vecchia Tares ed è stata eliminata con l'introduzione della Tari.


Quando si paga: spetta al Comune anche stabilire le scadenze di pagamento. In genere per la Tari si prevedono almeno due rate a scadenza semestrale, che dovrebbero, nei piani originali, cadere in modo differenziato rispetto alla Tasi, anche se rimane ferma la possibilità di pagare in un'unica soluzione entro il 16 giugno di ciascun anno. Per l'imposta sui rifiuti, in genere, arriva a casa il bollettino con l'importo da versare, ma se non si riceve nulla, è necessario recarsi in Comune e chiedere qual è l'importo da pagare. La Tari può infatti essere pagata con il modello F24 o con le altre modalità di pagamento offerte dai servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancari e postali.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (25)

  1. franco

Se l'appartamento è affittato ed il contratto non è stato registrato, a chi spetta il pagamento della TARI? Al locatore oppure al conduttore? Grazie. Cordiali saluti.
Franco

  Allegati
 

Gentile Franco, l'imposta toccherebbe a chi occupa l'immobile; certo se l'inquilino non "appare" ufficialmente, l'imposta compete a chi risulta vivere lì, quindi il proprietario?

  Allegati
 

Per chi ha una casa in Italia ma e' residente all'estero e viene 2 volte l'anno ( circa un mese in un'anno ) dovrebbe avere una riduzione?

  Allegati
 

Gentile Silvestra potrebbe esserci una riduzione pe ri non residenti, deve verificarlo con l'ufficio tributi del comune di competenza.

  Allegati
 
  1. Gianni Gori

Buongiorno,
ho una casa grande (220 metri quadri) che condivido con un altro nucleo familiare.
Il mio nucleo familiare è composto solo da me, l'altro nucleo familiare è composto da 5 persone (due adulti e tre bambini).
Come dobbiamo pagare la...

Buongiorno,
ho una casa grande (220 metri quadri) che condivido con un altro nucleo familiare.
Il mio nucleo familiare è composto solo da me, l'altro nucleo familiare è composto da 5 persone (due adulti e tre bambini).
Come dobbiamo pagare la TARI?
A me arriva un solo modulo di pagamento con 220 mt e 1 persona, io.
Sono in regola?

Leggi Tutto
  Allegati
 

Buongiorno Gianni, lei è in regola, anche se in effetti considerando che non utilizzerà tutti i mq paga forse più di quanto le spetta realmente.

  Allegati
 
  1. Gianni Gori

Buongiorno,
ho una casa grande (220 metri quadri) che condivido con un altro nucleo familiare.
Il mio nucleo familiare è composto solo da me, l'altro nucleo familiare è composto da 5 persone (due adulti e tre bambini).
Come dobbiamo pagare la...

Buongiorno,
ho una casa grande (220 metri quadri) che condivido con un altro nucleo familiare.
Il mio nucleo familiare è composto solo da me, l'altro nucleo familiare è composto da 5 persone (due adulti e tre bambini).
Come dobbiamo pagare la TARI?
A me arriva un solo modulo di pagamento con 220 mt e 1 persona, io.
Sono in regola?

Leggi Tutto
  Allegati
 
  1. Emanuele

Buongiorno. Sono in affitto dal 1 aprile 2017 in un appartamento con contratto a canone concordato 3+2 regolarmente registrato. Cosa devo fare per pagare quanto mi spetta dato che sono subentrato da poco ad una precedente inquilina? Quanto dovrò...

Buongiorno. Sono in affitto dal 1 aprile 2017 in un appartamento con contratto a canone concordato 3+2 regolarmente registrato. Cosa devo fare per pagare quanto mi spetta dato che sono subentrato da poco ad una precedente inquilina? Quanto dovrò pagare io e quanto lei?

Leggi Tutto
  Allegati
 

Gentile Emanuele, deve presentare denuncia di occupazione presso gli uffici tributi di competenza; gli stessi manderanno a lei il conteggio da aprile in poi e l'ultima rata alla precedente inquilina.

  Allegati
 
  1. Angela

Vorrei sapere perché a Sanremo i nuovi inquilini non hanno ricevuto la cartella del pagamento rifiuti . Ho 2 alloggi affittati da 2 anni e non hanno ancora pagato un centesimo per la spazzatura. È così che i comuni fanno pagare le tasse?

  Allegati
 

Gentile angela ma hanno presentato regolare denuncia di occupazione all'ufficio tributi di competenza? Si accerti di questi magari.

  Allegati
 
  1. maddalena

e noi studenti abbiamo diritto ad una detrazione della tari o no?

  Allegati
 
  1. maddalena

Salve ho affittato un appartamento a padova insieme ad una mia amica a settembre 2016 con contratto annuale devo pagare la tari per il 2016?o mi toccherà pagarla nel 2017?

  Allegati
 

Gentile Maddalena deve verificare cosa prevede il regolamento comunale in materia; per contratti di solito fino a 6 mesi la tari rimane a carico del proprietario. In ogni caso per il 2016 la competenza sarebbe relativa solo da settembre.

  Allegati
 
  1. Andrea Moroni

Buongiorno,
Sono residente a Roma da due anni ma sono anche proprietario di un appartamento nel comune di ponzano romano.
Il suddetto comune mi ha spedito F24 x pagare tari 2015 .
Ho un inquilino con regolare contratto 4+4 registrato dal 1...

Buongiorno,
Sono residente a Roma da due anni ma sono anche proprietario di un appartamento nel comune di ponzano romano.
Il suddetto comune mi ha spedito F24 x pagare tari 2015 .
Ho un inquilino con regolare contratto 4+4 registrato dal 1 novembre 2013 è residente nello stesso comune,il comune dice che devo fare voltura è che cmq devo pagare io la tari 2015.
La voltura avrà effetto dal 2016.
È' tutto regolare?
Grazie

Leggi Tutto
  Allegati
 

Buongiorno Andrea in realtà se c'è un contratto regolarmente registrato la tari grava sul suo inquilino e questi deve fare denuncia di occupazione dell'immobile e ricevere il bollettino.

  Allegati
 
  1. Andrea

Salve,
Sono un ragazzo con contratto d'affitto da studente, condivido l'appartamento con altri 6 ragazzi, in 5 abbiamo un contratto da 1 anno che parte da ottobre 2014 mentre le altre 2 coinquiline hanno un contratto della durata di 6 mesi che va...

Salve,
Sono un ragazzo con contratto d'affitto da studente, condivido l'appartamento con altri 6 ragazzi, in 5 abbiamo un contratto da 1 anno che parte da ottobre 2014 mentre le altre 2 coinquiline hanno un contratto della durata di 6 mesi che va da febbraio a luglio 2015. Io ho disdetto il contratto per fine aprile mentre un altro coinquilino per fine maggio.
la mia domanda è essendo arrivata la tari di 355,46€ come dobbiamo dividerla tenendo presente che altri coinquilini potrebbero disdire quindi in quel caso come dovrebbero calcolare la loro quota?
grazie anticipatamente e complimenti per l'ottimo lavoro che svolge

Leggi Tutto
  Allegati
 

Gentile Andrea per contratti fino a 6 mesi la tassa è a carico del proprietario, quindi la somma va divisa tra chi ha il contratto di un anno e considerato il periodo a cui fa riferimento il tributo.

  Allegati
 

Ok, quindi ricapitolando da quello che ho capito si tratta di una tassa annuale, io avendo contratto da un anno ma avendo disdetto con finale permanenza di 3 mesi 2014 e 5 2015 dovrei essere esente dal pagarla, giusto? Grazie

  Allegati
 

Avendo un contratto annuale ne è debitore però, per i 3 mesi del 2015 e 5 nel 2015.

  Allegati
 
There are no comments posted here yet
Carica Altri Commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto