Cerca

Tari: in arrivo aumenti per famiglie numerose e immobili di grandi dimensioni.

by Chiara Bianchi
on Luglio 04, 2014
Visite: 2147

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo l'approvazione delle delibere comunali sulle nuove tasse per la casa, arrivano i primi calcoli che delineano le spese previste per il 2014 per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, da cui risulta che pagheranno di più rispetto agli anni passati i nuclei numerosi e chi abita in immobili di grandi dimensioni.


iStock 000004892562XSmallRicapitoliamo innanzitutto di cosa si tratta: la Tari è la nuova tassa sui rifiuti in vigore dal 1 gennaio di quest'anno, istituita dalla Legge di Stabilità per sostituire la Tares e le imposte antecedenti il 2013 destinate a finanziare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Presupposto per il pagamento della tassa è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, in base al principio "chi inquina paga"; dunque la tassa deve essere corrisposta da chi risiede nell'immobile o lo occupa con qualche titolo, non necessariamente il proprietario ma, ad esempio, l'inquilino o l'usufruttuario (come spiegato qui). Ma in pratica come viene calcolata la Tari? Per il calcolo si considerano le dimensioni dell'abitazione e il numero di persone che vi risiedono, anche se sempre più si sente la necessità di un criterio di misurazione che calcoli i rifiuti effettivamente prodotti.

 
Intanto la società di ricerche Ref ha elaborato i dati sull'impatto per le famiglie delle nuove tariffe 2014 considerando le delibere di 25 capoluoghi campione, e dai risultati emerge che, in media, verseranno di più i contribuenti che abitano immobili di grandi dimensioni o i nuclei allargati che abitano nella stessa casa. I nuclei numerosi pagheranno infatti il 3,4% in più all'anno rispetto al 2013, mentre rispetto al 2010 l'esborso aumenta addirittura del 24,4%. Ma anche per i single e le famiglie di 3 componenti i rincari sono dietro l'angolo: i primi sborseranno l'1,6% in più del 2013 e il 19,8% in più del 2010, i secondi rispettivamente +2,1 e +15,8%. Le tariffe variano da città a città e al momento non tutti i Comuni hanno emesso la delibera che deve contenere, fra le altre cose, anche le scadenze decise dalle singole amministrazioni. Il capoluogo dove i nuclei con unico membro e appartamento di 50 mq pagheranno maggiormente rispetto all'anno appena passato è Cagliari (4 euro al mq, +33%), mentre Lodi è il Comune con il rincaro maggiore sia per le famiglie composte da tre persone e appartamento da 108 mq (2,5 euro al mq, +33%), sia per quelle più numerose (3,1 euro al mq, +66%) che vivono in una superficie imponibile di 120 mq.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

There are no comments posted here yet

Fai una domanda o lascia il tuo commento

Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto