Cerca

Tasi, ecco i vincoli alla maggiorazione dello 0,8 per mille.

by Chiara Bianchi
on Agosto 04, 2014
Visite: 2022

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ogni Comune può determinare l'aliquota della Tasi rispettando il vincolo massimo della maggiorazione dello 0,8 per mille, maggiorazione che dev'essere nel caso suddivisa fra imposta municipale unica e tassa sui servizi indivisibili, a condizione che siano finanziate le detrazioni o altre agevolazioni relativamente alla prima abitazione: il chiarimento arriva dall'ultima Circolare del MEF.
548485 10151686806587382 1964336093 nIl Ministero dell'Economia e delle Finanze ha fornito gli ultimi chiarimenti in merito all'applicazione delle aliquote Tasi e in particolare della maggiorazione complessiva concessa per l'imposta sui servizi indivisibili e Imu. La Circolare n. 2/DF del 29 luglio vuole infatti dare una risposta chiara ai numerosi quesiti che pervengono all'orecchio del Ministero circa le tasse sulla casa introdotte dalla Legge 147/2003 e dall'ultima Legge di Stabilità, modificata dal Dl 16/2014.


In sostanza, ogni Comune ha la facoltà di determinare l'aliquota Tasi rispettando il vincolo che stabilisce come la somma delle componenti di Tasi e Imu per ciascuna tipologia di immobile non debba risultare superiore all'aliquota massima prevista per legge. Nel caso dell'imposta sui servizi indivisibili si tratta, almeno per il 2014, di un'aliquota del 2,5 per mille, mentre l'Imposta Municipale Unica è stata fissata al 10,6 per mille come importo massimo, già dal dicembre 2013. Le altre minori aliquote devono essere riferite al 6 per mille fissato per l'abitazione principale, esclusa dall'Imu solo a partire dal 2014 ad eccezione delle abitazioni principali accatastate nelle categorie A/1, A/8 e A/9, e al 2 per mille relativamente ai fabbricati rurali ad uso strumentale.


Per il 2014, dunque, è stata introdotta la possibilità per i Comuni di alzare l'aliquota Tasi grazie ad una maggiorazione dello 0,8 per mille. Le amministrazioni comunali potranno applicarla per aumentare uno solo dei due limiti di aliquote, o in alternativa potranno distribuire lo 0,8 per mille tra Tasi e Imu. Condizione fondamentale è che essa venga utilizzata per finanziare le detrazioni d'imposta o altre misure rispettivamente alle abitazioni principali o agli immobili ad esse equiparate.

Presentazione Autore
Chiara Bianchi
Author: Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti

Fai una domanda o lascia il tuo commento

  1. Invio commento come ospite.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto