Cerca

Tutti gli scontrini per le spese di casa detraibili dalle tasse.

by Chiara Bianchi
on Marzo 10, 2014
Visite: 5264

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Prende il via come ogni anno l'appuntamento dei contribuenti italiani con la dichiarazione dei redditi. Fra le novità 2014, oltre alla cedolare secca che prevede un'aliquota agevolata al 15% per i canoni concordati, ci sono anche una serie di bonus fiscali dedicati a chi ha affrontato nel 2013 spese per la casa. Vediamoli.

 

 


iStock 000021669961MediumLa dichiarazione dei redditi 2014 riserva alcune positive novità, e anche alcune conferme, per chi ha sulle spalle una casa e le relative spese. Ad esempio, chi ha affittato un immobile a uso abitativo con un contratto a canone concordato optando per il regime della cedolare secca, usufruirà dell'aliquota agevolata al 15% anziché al 19% come accadeva fino al 2012. Per gli altri fabbricati locati con il regime Irpef arriva invece un aggravio, poiché scende dal 15 al 5% la deduzione forfettaria sul canone di locazione. Chi vanta un credito con il fisco, potrà utilizzarlo per ridurre o per pagare altre imposte, come ad esempio la Tares sui rifiuti. Inoltre il Quadro E del modello 730 contiene una nuova sezione destinata alla casa in cui è possibile richiedere il bonus del 65% per gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche su immobili adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive, situati nelle zone ad alto rischio sismico.

 

Anche fra le spese contratte per l'abitazione, certificate da scontrini e ricevute, ce ne sono diverse che si possono scaricare dalle tasse. Vediamo quali.

 

  • Acquisto di mobili e grandi elettrodomestici: lo sconto per questo tipo di arredo destinato ad abitazioni ristrutturate è del 50%, su un tetto massimo di 10mila euro.
  • Lavori di ristrutturazione: per le spese di ristrutturazione e recupero edilizio con tetto di 48mila euro, la detrazione è del 36%, maggiorata al 50% dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014. Nello stesso periodo, l'importo massimo è alzato a 96mila euro.
  • Risparmio energetico: le spese per la riqualificazione energetica degli edifici usufruiscono di detrazioni del 55% con importi variabili a seconda della tipologia di lavoro. Inoltre, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, la detrazione è maggiorata al 65%.
  • Canoni d'affitto: gli inquilini che affittano un appartamento hanno diritto a detrazioni di diverso importo se possiedono un reddito inferiore a 30.987,41 euro, che vengono ulteriormente maggiorate per quelli sotto i 15.493,71 euro.
  • Studenti fuori sede: per gli studenti universitari fuori sede che affittano un appartamento è prevista una detrazione del 19% sul canone d'affitto se l'università si trova almeno a 100 km da casa e fuori provincia, per un tetto massimo di 2.633 euro.
  • Agenti immobiliari: chi si avvale del servizio di un agente immobiliare per l'acquisto della prima casa può detrarre il 19% sulle spese di mediazione pagate all'agente, per un importo massimo di 1.000 euro.
Presentazione Autore
Chiara Bianchi

Archeologa, guida turistica, formatrice. E poi esperta di social media e copywriter. Se si volesse cercare il filo rosso che collega queste esperienze, lo si potrebbe trovare in una sola parola: comunicazione. Che, in fondo, è più uno stile di vita. La sua missione in questo blog: censurare la prolissità magniloquente di Andrea Saporetti.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Cedolare secca 2018:  sì, no, quanto?Cedolare secca 2018: sì, no, quanto?
Cedolare secca al centro dell’interesse e dei dubbi dei contribuenti. Sale l’attesa rispetto alla Legge di Stabilità che dovrebbe...
Studenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in caloStudenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in calo
Caro-affitti per le stanze singole (+5%), in leggero calo invece le doppie (-2%). Valori in aumento al nord, stabili o in ribasso al centro-sud. &...
È tempo di pagare! Parte ufficialmente la cedolare secca sugli affitti brevi.È tempo di pagare! Parte ufficialmente la cedolare secca sugli affitti brevi.
Oggi, 16 ottobre 2017, la prima scadenza ufficiale per pagare la nuova imposta.   E finalmente dopo rinvii, ripensamenti, cambiamenti entra in...
Più tempo per pagare la tassa sugli affitti breviPiù tempo per pagare la tassa sugli affitti brevi
Gli agenti immobiliari guadagno un po’ di tempo per adeguarsi alla nuova normativa. Questa tassa sembra proprio non voler entrare in vigore!...
Affitti brevi: come si paga la tassa.Affitti brevi: come si paga la tassa.
Cedolare secca sulle locazioni brevi: pubblicato il codice. Gli affitti brevi continuano ad essere i protagonisti di questa estate: dopo aver parlato...