Cerca

In affitto con Fido

by Andrea Saporetti
on Novembre 13, 2012
Visite: 4015

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Animali domestici nell'appartamento in affitto: grande soddisfazione per i padroni, fonte inesauribile di litigi con i proprietario di casa e con i vicini.

Riforma del condominio con un occhio di riguardo nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Niente più discriminazioni per gli animali domestici in condominio, ad eccezione di quelli più pericolosi. Una riforma pet-friendly che crea qualche malumore tra i proprietari immobiliari, ma strizza l'occhio ai tantissimi inquilini che non possono fare a meno di portare con sé i propri piccoli amici.
Ne parliamo con Giorgio Allegrini e Silvia Peyrot, dell'agenzia Solo Affitti di Pinerolo, in provincia di Torino.
2012-11 Animali Inquilini con animali domesticiS: Allegrini, una riforma che crea qualche perplessità tra i proprietari immobiliari. Sono tantissime le controversie condominiali che riguardano gli animali e, proprio per questo, sono sempre di più i proprietari che non vedono di buon occhio inquilini con animali domestici al seguito.
A: Eh sì, gli animali sono da sempre causa di litigi condominiali. Non sempre è facile convincere il proprietario ad affittare il proprio appartamento ad un inquilino con animale al seguito, specie se in passato si è trovato in qualche situazione spiacevole per questo motivo.
S: Proviamo a quantificare il fenomeno degli animali in appartamento. Che percentuale di inquilini che si rivolgono a voi richiede di poter portare con sé il proprio animale domestico?
A: Una quota notevole: circa il 65% degli inquilini totali cerca una casa in affitto da condividere con il proprio animaletto.
P: Sì, per la maggior parte si tratta di cani: grossomodo in 3 casi su 5. Per il resto, soprattutto gatti.
S: Qualche animale esotico?
P: Capitano, certo. L'ultimo che ci è capitato, un bel pitone!
S: Immagino la felicità del proprietario... Ma, al di là degli animali esotici, le diffidenze dei proprietari su quale tipo di animale si concentrano maggiormente?
A: Sono soprattutto i cani quelli a destare le maggiori preoccupazioni: rischiano di rovinare gli infissi e i mobili dentro casa e, se rumorosi, possono creare qualche litigio con i vicini.
S: Per concludere, quanti sono i proprietari che mostrano diffidenza verso inquilini con animali al seguito, e che potrebbero essere più ostili alla riforma del condominio?
P: Circa un 30%. Molti di questi, comunque, soprattutto se l'immobile per questa ragione resta sfitto per un po', sono disposti a rivedere la propria posizione. Ormai tenere con sé il proprio amico a quattro zampe è un'esigenza talmente radicata tra gli inquilini, che anche i proprietari più prevenuti spesso sono disposti ad adattarsi.

Presentazione Autore
Andrea Saporetti

Laureato in economia, da sempre interessato a qualsiasi cosa sia misurabile. L'innata passione per la statistica e lo stile descrittivo a metà tra il magniloquente ed il prolisso fanno di lui il blogger più alternativo dell'ultimo decennio. L'impegno nel volontariato e la passione per la letteratura russa completano la sua immagine giovane e dinamica.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Alessio

    L'affitto di un immobile riguardo agli animali tutt'ora è il male minore. La maggior parte degli italiani NON hanno soldi e posto dove andare a vivere e lo stato italiano data la crisi non costruisce case popolari e lo riversa su piccoli prorietari anche di 40 mq. E' qua dove si nasconde il grosso problema che sono i diverbi fra inquilino e proprietario. Il proprietario attualmente non è tutelato da parte dello stato. La maggior parte degli inquilini sono restii a lasciare l'appartamento per motivi economici, ci sono vizi di forma legale, gli inquilini vengono protetti da polizia e carabinieri i quali hanno disposizioni legali da parte dello stato che presentano grosse lacune nel garantire la sicurezza sociale. In poche parole se il mio inquilino non paga io sono costretto oggi ad appellarmi ad un legale con spese legali fisse che variano dai 1,500.00 Euro ai 2,000.00 Euro. Lo sfratto non può avvenire prima della presenza dell'ufficiale giudiziario.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%
Nel 2017 tornano a salire i canoni di affitto in Italia. Solo Affitti rende noto il report sulle locazioni per l’anno 2017, facendo il punto...
Studenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in caloStudenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in calo
Caro-affitti per le stanze singole (+5%), in leggero calo invece le doppie (-2%). Valori in aumento al nord, stabili o in ribasso al centro-sud. &...
Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?
Si passa da 1 sfratto ogni 334 famiglie nel 2014, annus horribilis per gli sfratti, a 1 ogni 419 nel 2016. L’aumento dei provvedimenti di...
Morosità di un condomino: cosa fareMorosità di un condomino: cosa fare
L’inquilino non paga le spese condominiali: come procedere? La “questione morosità” è ormai una problematica discussa...
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...